Skip to main content

Tag: intervista

Sindaci anti-sistema – In Toscana si costruisce la resistenza

Continua la nostra rubrica sui candidati sindaco toscani ottoliner. Anche a Rosignano Marittimo finalmente si candida un sindaco alternativo al tradizionale centro-destra/centro-sinistra: Claudio Marabotti, che ha messo insieme liste civiche e il Movimento 5s e ha concrete possibilità di vittoria. In quest’intervista ci spiega il suo innovativo programma politico.

Putin e il disastroso rapporto segreto francese dal fronte ucraino che ha fatto sbroccare Macron

Macron ha farfugliato mezz’ora a reti unificate davanti ai francesi per provare a convincerli (con scarsissimi risultati) che l’Eliseo è più che attrezzato per ribaltare le sorti della guerra per procura in Ucraina e per difendere Odessa; Putin, però, non sembra poi troppo intimorito e, di fronte a un adulante Kiselev, sottolinea come “I militari dei paesi occidentali sono presenti in Ucraina da molto tempo”, addirittura da ben “prima del colpo di stato”, “in veste di consiglieri e di mercenari, che stanno subendo gravi perdite” e che se ora vogliono passare a “contingenti militari ufficiali stranieri”, questa cosa “non cambierà minimamente la situazione sul campo di battaglia” come non l’ha mai cambiata “la fornitura di nuove armi”. Piuttosto, sottolinea Putin, fossi un ucraino mi preoccuperei perché “Se, ad esempio, le truppe polacche entrassero in territorio ucraino per, come sembra, coprire il confine ucraino – bielorusso, o in qualsiasi altro luogo, per consentire ai contingenti militari ucraini di partecipare alle ostilità sulla linea di contatto, poi penso che le truppe polacche non se ne andrebbero mai più via” perché “rivogliono indietro i territori che gli sono stati sottratti da Stalin” e “Il loro esempio potrebbe essere seguito da altri paesi che hanno perso parte dei loro territori a seguito della seconda guerra mondiale”; “Dal punto di vista della preservazione della sua statualità nella sua forma moderna”, “le conseguenze geopolitiche” di questa escalation per l’Ucraina “si presenteranno in tutto il loro splendore”.
Nel frattempo, il gabinetto di guerra dello Stato genocida di Israele non sembra essere troppo impensierito dagli USA – che, per motivi elettorali, provano a recitare la parte del poliziotto buono – e approva il piano per la soluzione finale della questione gazawi attraverso l’invasione via terra dell’inferno di Rafah e, nonostante tutti gli sforzi dell’operazione Propserity Guardian e del sostegno sotto copertura da parte dei cagnolini da compagnia europei con l’operazione Aspides, l’asse della resistenza, a sua volta, non sembra essere troppo impensierito dal sostegno incondizionato al genocidio che, al di là delle chiacchiere, l’Occidente collettivo continua a garantire, e rilancia: Hezbollah intensifica gli attacchi a nord ostacolando l’assembramento di forze necessario per passare dalle parole ai fatti a Rafah; la resistenza irachena inaugura l’inizio della seconda fase delle operazioni a sostegno della resistenza palestinese attaccando con i droni direttamente l’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv e Ansar Allah, invece che ridurre le sue operazioni nel Mar Rosso e nel Mar Arabico, annuncia che, d’ora in poi, le operazioni si estenderanno anche all’Oceano Indiano. Ma non è mica ancora finita, perché mentre nei due fronti che si sono già incendiati non si vede via di uscita, anche nel terzo – in prospettiva il più inquietante di tutti – si scaldano i motori: uomini delle forze operative speciali statunitensi, infatti, sono stati assegnati permanentemente alle isole taiwanesi di Kinmen, a meno di 10 chilometri dalle coste del mainland.
Nel frattempo, le Filippine continuano spedite il loro riposizionamento come principale avamposto della minaccia imperiale alla sovranità cinese, dando ufficialmente il via al nuovo Comprehensive Archipelagic Defense Concept, che segna un riorientamento complessivo del focus strategico dai turbolenti confini meridionali all’estremità settentrionale, a un tiro di schioppo da Taiwan, mentre per aprile è stato annunciato il primo vertice trilaterale tra il presidente Marcos Jr, Biden e il premier giapponese Kishida. Nel dicembre scorso, Giappone e Filippine avevano annunciato la finalizzazione dell’accordo di accesso reciproco che semplificherà enormemente il processo di dispiegamento di truppe, armi e munizioni tra i due paesi, Insomma, carissimi ottoliner: buon inizio settimana e benvenuti a questo nuovo appuntamento con i nostri simpaticissimi aggiornamenti sulla Guerra Ibrida che gli USA combattono contro il Resto del Mondo, fino all’ultimo alleato.
Uno sforzo necessario: giovedì scorso, infatti, la Reuters ha pubblicato uno scoop che rivelava come, durante l’amministrazione Biden, la CIA avesse messo insieme un team operativo che utilizzava una serie di false identità su internet per diffondere un po’ di fake news anticinesi, in particolare rivolte ai paesi del Sud globale che hanno aderito alla Nuova Via della Seta, che venivano bombardati di minchiate su sprechi immaginari e fantomatici patrimoni da nababbi nascosti nei paradisi fiscali dai dirigenti comunisti cinesi; come dicono i nostri amici dell’Antidiplomatico, un’altra prova che è davvero arrivato il tempo di spegnere i fake media e di accendere Ottolina Tv. Prima di andare oltre, ricordatevi di mettere un like a questo video per aiutarci nella nostra lotta contro gli algoritmi e, soprattutto, ricordatevi di iscrivervi ai nostri canali – anche a quello inglese – e attivare tutte le notifiche: noi che per provare a dire le cose come stanno dobbiamo rinunciare al sostegno delle oligarchie e della CIA, ci dobbiamo arrangiare un po’ così.

Manuelino Macaron

“Di fronte ai russi, siamo un esercito di cheerleader” (rapporto confidenziale della difesa francese sulla situazione in Ucraina); la settimana scorsa, il blocco che sostiene la guerra per procura contro la Russia in Ucraina era stato scosso dalle dichiarazioni del pimpantissimo Manuelino Macaron che, nonostante abbiano sollevato numerosi mal di pancia, sono state ribadite di nuovo anche giovedì scorso a reti unificate in una delle interviste più imbarazzanti che un capo di stato abbia mai rilasciato a una TV pubblica: grazie alle rivelazioni del magazine francese Marianne, oggi forse sappiamo cos’avrebbe scatenato così tanto panico. I giornalisti di Marianne, infatti, sarebbero entrati in possesso di 3 rapporti altamente confidenziali destinati all’amministrazione francese per descrivere la situazione sul fronte ucraino e il bilancio sembra peggiore del più catastrofista dei video di Scott Ritter.
Il primo risalirebbe addirittura a novembre e fa un bilancio del “fallimento dell’offensiva ucraina” che “A poco a poco si è impantanata nel fango e nel sangue e non ha prodotto alcun vantaggio strategico”, frutto, tra l’altro, di una pianificazione da parte di Kiev e dei quartieri generali occidentali definita “disastrosa”. “I pianificatori credevano che non appena le prime linee di difesa russe fossero state varcate, l’intero fronte sarebbe crollato… senza tener conto della forza morale del nemico sulla difensiva”, ma non solo: le vecchie armi sovietiche si sono rivelate particolarmente resilienti grazie alla “facile manutenzione” e al fatto che continuano a essere “utilizzabili anche quando sono degradate” e “la linea di fortificazione russa s’è rivelata inespugnabile”, anche perché Mosca dispone di mezzi pesanti che le hanno permesso di costruire opere difensive in gran quantità, mentre “da parte ucraina” si sottolinea l’”assenza quasi totale di questi mezzi” e l’”impossibilità da parte occidentale di fornirli rapidamente”. Un bel contributo, poi, l’avrebbe dato anche l’”arcidominio russo nel campo dei disturbi elettronici, che penalizza l’uso di droni e sistemi di comando da remoto da parte ucraina” ma soprattutto, enfatizza il rapporto, “I russi sapevano come gestire le loro truppe di riserva, per garantire la resistenza operativa”; “Secondo il rapporto” commentano i giornalisti di Marianne “Mosca rinforza le sue unità prima che siano completamente logore, mescola reclute con truppe esperte, garantisce spesso periodi di riposo regolari nelle retrovie… e ha sempre avuto una riserva coerente di forze per gestire eventi imprevisti”. Altro che l’idea diffusa oggi in Occidente di un esercito russo che manda le sue truppe al massacro”. Ed ecco così che, sottolinea il rapporto, l’esercito russo può essere considerato oggi nientepopodimeno che “il riferimento tattico e tecnico per pensare e attuare la modalità difensiva” ed “è chiaro, date le forze presenti, che l’Ucraina non può vincere militarmente questa guerra”. Ed è solo l’inizio.
Il secondo rapporto risale a dicembre e, in un mese, la situazione s’è fatta piuttosto grave: la fallita offensiva del 2023, rivela, avrebbe “tatticamente distrutto” metà delle 12 brigate da combattimento di Kiev e “Zelensky avrebbe bisogno di 35 mila uomini al mese”, cifre che confermerebbero, rivendendole al rialzo, le stime comunicate da Shoigu per il 2023 che parlavano di 215 mila uomini persi dagli ucraini, tra morti e feriti, e che rappresenta un’emorragia incontenibile, dal momento che di questi 35 mila uomini al mese necessari per rimpiazzare le perdite, “Zelensky non ne recluta la metà”. Ed ecco così che arriviamo al terzo – disastroso – rapporto che risale a pochi giorni prima le dichiarazioni del sempre pimpantissimo Manuelino Macaron sull’invio di truppe NATO in Ucraina: secondo il rapporto, la definitiva caduta di Adviivka – che, per la propaganda occidentale (esattamente come Bakhmut poco prima), era fondamentale fino a che gli ucraini riuscivano in qualche modo a difenderla e, poi, diventata magicamente un insignificante villaggetto di campagna appena conquistata dalle truppe nemiche – potrebbe rappresentare un punto di non ritorno non solo perché “era il cuore e il simbolo della resistenza ucraina nel Donbass di lingua russa”, ma soprattutto perché “la repentinità e l’impreparazione” che hanno portato alla “decisione di ritirarsi” dimostrerebbe che “le forze armate ucraine… tatticamente non hanno le capacità umane e materiali per mantenere un settore del fronte soggetto allo sforzo dell’attaccante”, anche quando siamo di fronte a un “bastione fortificato”. Neanche quando, per proteggerlo, si decide di tentare il tutto per tutto: “Il fallimento ucraino ad Adviivka” sottolinea infatti il rapporto “dimostra che, nonostante l’invio d’emergenza di una brigata d’élite come la 3a brigata d’assalto aereo Azov, Kiev non è in grado di ristabilire localmente un settore del fronte che sta crollando”; a fare la differenza sarebbe stato, in buona parte, l’impiego “per la prima volta di bombe sospese su larga scala” in grado di “perforare strutture di cemento di oltre 2 metri”. Superata Adviivka, ora il rischio è che i russi decidano di “irrompere nelle profondità” visto che “il terreno alle spalle di Adviivka lo consente”: “E’ questa nuova situazione strategica” si chiedono i giornalisti di Marianne “che ha portato Macron dinamicamente, come ha affermato, a prendere in considerazione l’invio di truppe?”
Difficile dirlo con sicurezza: quello che, invece, possiamo affermare con sicurezza è che se, fino ad oggi, abbiamo bullizzato Rimbambiden, oggi dobbiamo ammettere di aver probabilmente sbagliato obiettivo perché lo spettacolo che ha dato Macron giovedì sera in televisione è di un livello superiore; solo Matteo Renzi, in passato, aveva raggiunto tali vette di plateale inadeguatezza. Il non più pimpantissimo Manuelino la prende larga e riparte – addirittura – dagli accordi di Minsk, nella speranza che nel flusso dell’iperinformazione la gente, nel frattempo, si sia completamente dimenticata della confessione di Angelona Merkel; poi arriva una rivelazione: gli ucraini, svela il non più pimpantissimo Manuelino, “hanno dei limiti in termini di uomini, perché la Russia è più grande”. Lo vedi cosa vuol dire la gioventù… Non gli sfugge niente! Di fronte a questa sconvolgente realtà, Macron ripete poi per 20 minuti che il nostro obiettivo è impedire che la Russia vinca la guerra e che, per impedirglielo, qualora fosse necessario non possiamo escludere niente, compreso inviare uomini; sia chiaro, sottolinea: “Io non lo voglio”, “io voglio che Putin cessi questa guerra e si ritiri dalle sue posizioni” e “torni alle frontiere internazionalmente riconosciute, compresa la Crimea”, ma dire già oggi che noi non siamo disposti a mandare gli uomini “non porterà alla pace, ma alla sconfitta”. Invece, dicendogli che se fa ancora il cattivo noi gli faremo totò sul culetto, lui si terrorizzerà, e vedrai che nell’arco di un paio di settimane si ritira anche dalla Crimea.
L’unica cosa interessante da sottolineare dell’intervista annunciata in pompa magna dell’aspirante novello Napoleone è che era talmente insignificante e inconcludente da lasciare un po’ interdetti anche i due ossequiosi intervistatori; l’altra cosa interessante, invece, è la reazione di Domenique de Villepin, conservatore illuminato che, prima di diventare primo ministro nel 2005, era stato ministro degli esteri dal 2002 al 2004, un periodo non a caso: fu proprio grazie alla cazzimma di de Villepin, infatti, che nel 2003 la Francia si oppose all’aggressione militare criminale degli USA e della coalizione dei volenterosi contro l’Iraq (e fu grazie a lui che la Germania fece altrettanto). Fu l’ultimo barlume di sovranità da parte delle principali potenze europee, che gli costò carissimo: una volta nominato primo ministro dal presidente Chirac, mentre inanellava una serie di risultati positivi con l’economia francese in crescita e la disoccupazione e il debito pubblico in calo, venne bersagliato dai giudici per il processo fuffa noto come Clearstream 2 e, cioè, una supposta macchinazione contro il rivale Sarkozy (che, visti i danni che ha fatto Sarkozy, sarebbe stata cosa encomiabile, se solo fosse stata vera); nel 2011 de Villepin, infatti, viene assolto con formula piena, ma ormai è troppo tardi. Con Sarkozy, quel che rimaneva dell’indipendenza francese dai dictat della NATO è stato definitivamente azzerato e, con la crisi finanziaria del 2009, pure quello che rimaneva – se mai c’è stato davvero – dell’idea di una moneta indipendente dal dollaro che permettesse una qualche indipendenza economica. Da allora, de Villepin, come spesso accade ai membri delle élite europee una volta che si trovano di fronte all’arroganza senza limiti degli USA e delle élite compradore che li sostengono, non ha fatto che radicalizzare le sue posizioni, arrivando a contestare tout court la politica estera imperiale a stelle e strisce e venerdì, sempre dagli schermi di TF1, ha letteralmente asfaltato il pimpantissimo Manuelino: “Prima di parlare dell’ipotesi di inviare truppe di terra” ha sottolineato de Villepin “ci siamo chiesti se, in tal caso, ci sarebbero anche altri paesi disposti a mandare anche le loro, ma sul lato opposto? Abbiamo pensato all’ipotesi di ritrovarci di fronte combattenti africani? O asiatici? O mediorientali? In mezzo mondo non aspettano altro che una resa dei conti con l’Occidente. Se gli occidentali, se gli europei, se i francesi mandassero truppe di terra, credete davvero che non ci sarebbe nessun gesto di solidarietà nei confronti della Russia? Io credo che sarebbe l’ora di cominciare a porsele queste domande. Perché sul piano diplomatico noi non abbiamo fatto niente di quello che era necessario per provare a isolare la Russia. E io credo che oggi a essere isolati siamo molto più noi che la Russia stessa” .
A tornare sul motivo di fondo del perché la Russia sia, almeno da un certo punto di vista, meno isolata dell’Occidente collettivo è lo stesso Putin nell’intervista di Kyselov: “Il punto” sottolinea Putin “è che il cosiddetto golden billion” – il miliardo dorato e, cioè, l’Occidente collettivo – “per 500 anni ha parassitato le altre nazioni. Hanno fatto a pezzi gli sfortunati popoli dell’Africa, hanno sfruttato l’America Latina, hanno sfruttato i paesi dell’Asia e, ovviamente, nessuno se ne è dimenticato. E non parlo tanto delle leadership, anche se anche questo è un aspetto importante, ma dei cittadini comuni. Io credo associno la nostra lotta per una vera indipendenza e una vera sovranità alle loro aspirazioni per una vera sovranità e una vera indipendenza. E questo è aggravato dal fatto che le élite occidentali a livello di relazioni internazionali, fanno di tutto per congelare questo stato di cose profondamente ingiusto. Sono abituati da secoli a riempirsi la pancia di carne umana e le tasche di soldi, ma devono capire che il ballo dei vampiri sta finendo”: da questo punto di vista, insiste Putin, “Forse una reazione così emotiva da parte del presidente francese è collegata proprio a ciò che sta accadendo in alcuni stati africani”; “Penso ci sia una sorta di risentimento”, come se avessimo “cacciato la Francia”. “Il problema” però, “è diverso”: noi “non abbiamo spinto fuori nessuno”. Putin ricorda come la Wagner abbia fornito sicurezza ad alcuni operatori economici russi in Siria, per poi fare altrettanto anche in Africa: “Il ministero della difesa russo” sottolinea Putin “fornisce sostegno, ma come lo forniamo a qualsiasi gruppo russo, niente di più”; sono alcuni “leader africani che hanno voluto aprire collaborazioni con operazioni economici russi, e che non volevano più in alcun modo avere a che fare con i francesi. Non è stata una nostra iniziativa, è stata un’iniziativa dei nostri amici africani”. “Conosco molti paesi africani” continua Putin “dove sono tranquilli riguardo alla presenza francese, e si dicono volenterosi di continuare ad averci a che fare. Molti altri invece, molto semplicemente, no. E noi non abbiamo niente a che fare con questo”; “Forse” conclude “i francesi trovano più conveniente scaricare la responsabilità su qualcun altro invece che affrontare i propri problemi”.
E, al di là della debacle africana, i problemi francesi (e non solo) sono piuttosto eclatanti: “Nel 2022” avrebbe dichiarato al Fatto Quotidiano Gianandrea Gaiani “un rapporto della commissione difesa del parlamento francese ha stimato che le scorte di munizioni avrebbero consentito all’esercito di Parigi di sostenere tre o quattro giorni di conflitto in Ucraina” e, continua Gaiani, “l’ultimo rapporto della Camera dei Comuni del Regno Unito sostiene che il Paese potrebbe combattere un conflitto convenzionale per un massimo di due mesi”, ma pensare che le provocazioni di Macron siano esclusivamente parole al vento di un megalomane sarebbe sbagliato. In realtà, sono un primo passettino per cominciare piano piano a sdoganare un esito che, a meno di qualche deciso cambio di rotta, rischia di essere inevitabile; è la tesi della rana bollita e, a spiegarla, c’ha pensato Macron stesso: “2 anni fa dicevamo che non avremmo mai mandato i carri armati, e poi l’abbiamo fatto. 2 anni fa dicevamo che non avremmo mai mandato missili a medio – lungo raggio, e poi l’abbiamo fatto”. Ora, intanto, la boutade macroniana sulle truppe ha come primo obiettivo sbloccare la querelle sui Taurus che, a questo punto, sarebbero il male minore: Paura per l’Ucraina titolava ieri, in prima pagina, La Repubblichina: “Le difese scarseggiano, e ora la primavera fa paura”; ma, appunto, c’è un’“ultima spiaggia: missili a lungo raggio per bloccare i rifornimenti russi”. Anche in questo caso, come per i carri armati e i missili citati da Macron, non saranno certo i Taurus a cambiare l’esito della guerra: come ricorda sempre Gaiani sul Fatto, “Adesso si parla dei Taurus come della nuova arma miracolosa, com’era già successo per gli Scalp e gli Storm Shadow. E’ due anni che andiamo avanti così. Ma il corso della guerra non cambia, l’Unione Europea non ha più nulla da dare all’Ucraina in grado di cambiare l’esito del conflitto”; molto semplicemente – come, in qualche modo, ha ammesso lo stesso Macron – la nostra strategia è esclusivamente quella di metterci in condizione di continuare a sostenere pubblicamente – arrampicandosi sugli specchi e con il sostegno di un’informazione ridotta a mera propaganda – che “non permetteremo a Putin di vincere la guerra”, anche quando, sostanzialmente, l’ha già vinta. L’obiettivo è quello di rimandare l’accordo diplomatico per continuare a fare leva sul terrore putiniano, che non invaderebbe l’Europa solo perché gli stiamo ancora opponendo resistenza – per giustificare il fatto che, mentre tagliamo il welfare e regaliamo la nostra industria al padrone d’oltreoceano, aumentiamo a dismisura la spesa militare. Contro gli escamotage della propaganda del partito unico degli affari e della guerra, la nostra prima linea di difesa non può che essere un vero e proprio media che racconti il mondo per quel che è e non per quello che vorrebbero fosse le oligarchie e gli svendipatria sul loro libro paga. Aiutaci a costruirlo: aderisci alla campagna di sottoscrizione di Ottolina Tv su GoFundMe e su PayPal.

E chi non aderisce è Sergio Mattarella

L’INTERVISTA DI CARLSON: come Putin ha asfaltato la fuffa di Trump e il Suprematismo USA

La politica americana non smette mai di stupirci e anche la scorsa settimana ci ha regalato due perle preziose: la prima sono le dichiarazioni di Donald Trump che, durante un discorso pubblico in South Carolina, ha detto che se fosse rieletto presidente gli Stati Uniti non difenderebbe militarmente un paese europeo da un attacco russo a meno che il paese in questione non abbia speso almeno il 2 per cento del PIL nella difesa, “Anzi, incoraggerei i russi a fare quello che vogliono” ha intimato minaccioso agli europei; “Dovete saldare i vostri debiti!”. Queste dichiarazioni apparentemente folli rivelano in verità uno dei tasselli fondamentali della strategia politica di Trump e del partito Repubblicano: disimpegnarsi il più possibile in Europa in modo da poter concentrare tutte le risorse necessarie nel Pacifico nell’ottica di una futura guerra alla Cina. Naturalmente, all’idea che Trump possa addirittura smantellare la NATO costringendo gli Stati europei a difendersi da soli, tanti giornalisti italiani si sono lasciati andare ad urla isteriche e imprecazioni disperate; la reazione degli ottoliner, invece, pare che sia stata più o meno questa.

Vladimir Putin e Donald Trump

L’altro scandalo lo ha scatenato il giornalista americano Tucker Carlson il 6 febbraio scorso recandosi a Mosca per intervistare Vladimir Putin; era la prima volta che un giornalista occidentale faceva un’intervista al presidente russo dallo scoppio della guerra in Ucraina e, tanto per cambiare, dopo la pubblicazione dell’intervista le reazioni dell’opinione pubblica occidentale hanno dato prova di grande superficialità: tra chi ha dipinto Carlson come un traditore della democrazia e scagnozzo di Putin e chi, invece, guarda al giornalista americano come al nuovo messia della libera informazione e della lotta alla propaganda occidentale, è praticamente una gara a chi la spara più grossa. Basterebbe, infatti, aver studiato un attimo la biografia di Carlson, aver letto qualche sua dichiarazione precedente e aver seguito un minimo la geopolitica americana negli ultimi anni per sapere cosa politici e giornalisti di area repubblicana – come lui – stanno cercando di fare; è chiarissimo che a Carlson non interessi un bel nulla delle centinaia di migliaia di morti in Ucraina, né delle ragioni dei pacifisti, né della libera informazione: Carlson è, infatti, lontano mille miglia dalla sacrosanta lotta all’imperialismo e al suprematismo americano nel mondo. Semplicemente, in questo periodo il giornalista si limita a fare da megafono alle posizioni politiche di Donald Trump – e la posizione di Trump sulla guerra per procura della NATO in Ucraina è sempre stata chiarissima: bisogna fermarla al più presto, perché oggi il vero nemico del dominio globale americano non è la Russia, ma la Cina, e per poter vincere la guerra contro Pechino la Russia deve essere assolutamente riportata nell’orbita occidentale. “La più grande minaccia per questo Paese non è Vladimir Putin; è ridicolo. La minaccia più grande, ovviamente, è la Cina” dichiarava Carlson quando ancora faceva il conduttore a Fox News, e rincarava: “Gli Stati Uniti dovrebbero avere buoni rapporti con la Russia per combattere meglio la Cina; se la Russia dovesse mai unire le forze con la Cina, l’egemonia globale americana, il suo potere, finirebbe all’istante” e da quando l’anno scorso è stato licenziato da Fox News, Carlson non ha fatto altro che portare avanti esattamente questa narrazione guerrafondaia e sinofobica tanto cara a Trump e a tutti trumpiani americani ed europei. In questa puntata parleremo delle diverse visioni strategiche imperiali di democratici e repubblicani americani e, in particolare, del conflitto su quale debba essere considerato il nemico principale tra Russia e Cina e sul ruolo dell’Europa in questo scacchiere; vedremo inoltre come Putin, durante l’intervista con Carlson, abbia sfatato molte delle falsità della propaganda russofobica occidentale e come abbia platealmente deriso la retorica razzista e suprematista anticinese di Trump e Carlson ribadendo la propria solidissima alleanza con Pechino.

Henry Kissinger

Negli anni ’70, durante l’amministrazione di Richard Nixon, Kissinger utilizzò la diplomazia triangolare per mettere la Cina contro l’Unione Sovietica; nel 2018, Kissinger consigliò alla politica americana di tornare a questa diplomazia triangolare, ma nella direzione opposta: “Henry Kissinger” come riportava, infatti, il Daily Beast “ha suggerito al presidente Donald Trump che gli Stati Uniti dovrebbero collaborare con la Russia per contenere una Cina in ascesa”. I supporter dell’ala trumpiana dei Repubblicani e la destra reazionaria europea vedono infatti nella Russia un paese pur sempre bianco, europeo, cristiano e capitalista – e quindi un potenziale alleato contro la minaccia cinese, patria del comunismo, dell’ateismo e di un’etnia diversa dalla nostra; FuckBiden e i democratici, invece, la vedono diversamente. Da una parte sanno benissimo che, a lungo termine, l’unico vero grande competitor al loro dominio è la Cina e lo hanno anche scritto nero su bianco nel documento ufficiale che riassume la loro Strategia per la Sicurezza Nazionale; a differenza dei trumpiani, però, non confidano troppo sulla possibilità di spezzare l’alleanza che si sta consolidando tra Russia e Cina e hanno cercato di consolidare l’alleanza con i partner europei, nel tentativo di delegargli l’opera di contenimento del nemico russo e potersi concentrare sul Pacifico. Da una parte, quindi, l’Europa è vista come un continente ormai in inesorabile declino per la cui sicurezza e controllo non vale spendere soldi preziosi; dal lato democratico, invece, la NATO e – in generale – il controllo politico e militare sulle provincie atlantiche dell’impero rappresenta ancora una priorità. Ma al netto di queste differenze, come ha insistito più volte anche Ben Norton nell’intervista che ci ha rilasciato, quello che molti europei fanno ancora così fatica a comprendere – troppo presi da pseudo – dibattiti sul grado di bon ton di questo o quell’altro presidente americano – è che sia democratici che repubblicani sono profondamente imperialisti e il loro scontro non riguarda se gli Stati Uniti debbano o meno essere un impero, ma piuttosto su quale sia la migliore strategia per preservarlo; e quale delle due strategie, quella repubblicana o quella democratica, sia effettivamente la più lungimirante sarà solo la storia a dircelo, perché se è vero che, a prima vista, un avvicinamento russo alla Cina sembra un disastro per gli americani, è anche vero che il capo della CIA William J. Burns ha recentemente definito l’assistenza militare degli Stati Uniti all’Ucraina “un investimento relativamente modesto con significativi ritorni geopolitici per gli Stati Uniti e notevoli ritorni per l’industria americana”. In ogni caso, gran parte delle attuali politiche statunitensi, così come la famigerata intervista di Carlson a Putin, devono essere lette alla luce del conflitto tra queste due diverse visioni strategiche, cosa che – manco a dirlo – politici e giornalisti italiani si guardano bene dal fare.
Ma Chi è Tucker Carlson? Il giornalista americano è diventato famoso negli ultimi anni vendendosi come populista, a difesa dell’America profonda dagli attacchi delle oligarchie radical chic democratiche; naturalmente, con gli ultimi Carlson non ha mai avuto nulla a che fare: rampollo di una famiglia potente, ricca e politicamente ben integrata, Carlson ha iniziato la sua carriera mediatica come falco neoconservatore, sfornando articoli razzisti e guerrafondai per il Weekly Standard, la bibbia dell’ala più reazionaria dei repubblicani. Negli anni Duemila è stato promosso a conduttore di programmi alla CNN per poi, infine, passare a Fox News; tra le altre cose, ha sostenuto con entusiasmo l’invasione illegale dell’Iraq da parte degli Stati Uniti, definendo gli iracheni “scimmie primitive semianalfabete”. Nel maggio del 2006, durante una discussione sulla guerra in Iraq in un popolare programma radiofonico, ha dichiarato con modi gentili di non avere troppo rispetto della cultura irachena: “Una cultura in cui la gente non usa la carta igienica o le forchette, non merita considerazione” ha detto, aggiungendo infine che “Gli iracheni dovrebbero chiudere quella cazzo di bocca e obbedire agli Stati Uniti perché non sono in grado di governarsi da soli”; dopo essere stato licenziato da Fox News, Carlson si avvicina ancora di più a Trump e oggi rappresenta uno dei suoi più efficaci strumenti di propaganda.

Tucker Carlson

E veniamo ora ai punti più interessanti dell’intervista con Putin: nell’intervista, il presidente russo ha parlato della storia del suo paese, dei rapporti con l’Ucraina, della Seconda Guerra mondiale e dei miti su cui in questi anni in Occidente è stata montata questa ondata di russofobia; il più diffuso di questi miti, naturalmente, è che la Russia rappresenterebbe una costante minaccia esistenziale per gli europei. Questo terrorismo psicologico – smentito clamorosamente dagli ultimi due secoli di storia in cui, a ben vedere, sono sempre stati gli europei occidentali a invadere i territori russi e non il contrario – è stata funzionale ai nordamericani una volta conclusa la guerra fredda, così da poter tenere in vita la NATO e legittimare la propria presenza militare sul nostro territorio; finita la guerra fredda, racconta infatti Putin, la Russia aveva tutte le intenzioni di avere ottimi rapporti con l’Occidente, come dimostra anche il tentativo di entrare nella NATO e il progetto di dar vita a una difesa missilistica congiunta, respinto da Clinton e Bush Jr. Ma i buoni rapporti con i paesi europei, con i quali era stata costruita anche una forte interdipendenza economica ed energetica, è sempre stata avversata dagli USA, i quali hanno sempre temuto di perdere il controllo sul vecchio continente e, soprattutto, che si potesse formare una grande alleanza politica euroasiatica; in questo clima di ostilità, dunque, la costante espansione della NATO ad est non poteva che essere considerata una minaccia per la sicurezza della Russia, ha sottolineato Putin: un po’ come se oggi Messico e Canada stringessero un’alleanza militare con la Cina con la possibilità di ospitare testate nucleari cinesi a pochi passi con il confine statunitense. Quale sarebbe la reazione nord-americana. Difenderebbero il diritto di Messico e Canada, in quanto Stati sovrani, ad entrare in tutte le alleanze militari che vogliono? Ho come l’impressione di no. In ogni caso, se su tutte queste riflessioni di Putin Carlson annuiva soddisfatto e tra i due sembrava ci fosse totale sintonia, quando si è parlato di Cina le cose sono improvvisamente cambiate: “La domanda è” chiede Carlson “cosa viene dopo gli USA? Si scambia una potenza coloniale con un’altra, molto meno sentimentale e indulgente. I BRICS, ad esempio, rischiano di essere completamente dominati dai cinesi, dall’economia cinese, in un modo che non è positivo per la loro sovranità. È preoccupato per questo?”; “Abbiamo già sentito queste storie sull’uomo nero” replica laconico Putin, “La filosofia della politica estera cinese non è aggressiva” continua, “La sua idea è quella di cercare sempre un compromesso. E questo lo vediamo. Ci viene raccontata sempre la stessa storia dell’uomo nero, ed eccola di nuovo, in forma eufemistica, ma è sempre la stessa storia dell’uomo nero”. Ma mentre si continua a fare propaganda sinofoba con le favolette, continua Putin, la realtà è che “La cooperazione con la Cina continua ad aumentare. Il ritmo di cooperazione della Cina con l’Europa sta crescendo. È più alto e maggiore di quello della crescita della cooperazione sino – russa”; “Chiedete agli europei” continua Putin: “Hanno paura? Forse sì. Non lo so. Ma cercano comunque di accedere al mercato cinese a tutti i costi. Soprattutto ora che stanno affrontando problemi economici. In America” conclude Putin “volete limitare la cooperazione con la Cina. Ma è a vostro danno, signor Tucker, che state limitando la cooperazione con la Cina. State danneggiando voi stessi.” Putin ha poi sottolineato soddisfatto come la politica repubblicana non sia affatto riuscita a isolare la Cina dalla Russia e a dividere i BRICS, e che sono state proprio le politiche di Biden e del Partito Democratico in Ucraina in questi anni a condurre al definitivo fallimento di questa strategia.
Come sappiamo, il nuovo obiettivo americano è ora quello di dividere i BRICS, in particolare facendo leva sui propri buoni rapporti con l’India, cercando così di creare quanti più conflitti possibili tra cinesi e indiani che, storicamente, non godono di ottimi rapporti. Secondo una recente inchiesta del Washington Post, una volta rieletto Trump si starebbe preparando ad imporre una tariffa del 60% su tutti i prodotti cinesi importati: praticamente una dichiarazione di guerra; la speranza è che, sia in campo economico che su Taiwan, Xi Jinping non caschi in queste provocazioni imperialistiche occidentali e continui a dare prova di grande saggezza razionalità politica. E se anche tu sogni un’Europa fuori dalla NATO e una grande alleanza euroasiatica tra Stati sovrani che porti pace e benessere su tutto il supercontinente, bisogna prima di tutto costruire media libero e indipendente che combatta la propaganda americana. Adesso anche tu puoi fare la tua parte e costruirlo insieme a noi: iscriviti al nostro canale in inglese (OttolinaTV – English – YouTube) e aderisci alla campagna di sottoscrizione di Ottolina Tv su GoFundMe e su PayPal.

E chi non aderisce è Tucker Carlson

“Sono Ottimista. L’Europa collasserà” – lo scoppiettante esordio di MICHAEL HUDSON su Ottolina Tv [INTEGRALE]

Cerca qualcuno che ti guardi come Il Marru guardava Michael Hudson durante l’ora e mezza abbondante di intervista. “Sei ottimista sul ruolo che potrebbero ricoprire l’Europa e l’Italia in questa costruzione di un nuovo ordine multipolare nel quale tutti speriamo?” gli abbiamo chiesto: “Certo,” ha risposto “sono molto ottimista…” “… perché l’Europa collasserà e dopo dovrà scegliere: Socialismo o Barbarie. E io sono ottimista che sceglierà il Socialismo e dimostrerà che quando Margaret Thatcher affermava che non esiste nessuna alternativa si sbagliava. L’alternativa esiste e si chiama SOCIALISMO”. La prima volta del più grande economista vivente doppiato in italiano per costruire non solo un MEDIA, ma una vera e propria RIVOLUZIONE CULTURALE dalla parte del 99%. Per farlo abbiamo bisogno del tuo sostegno: aderisci alla campagna di sottoscrizione di Ottolina Tv su GoFundMe e su PayPal.

E chi non aderisce è MARGARET THATCHER ?‍♀️

ANTONIO INGROIA Borghesia criminale e il patto StatoGovernatori per trasformare il Sud in NarcoStato

Oggi ospite eccezionale per Le interviste di Ottolina, Antonio Ingroia, ex magistrato in prima nella lotta al crimine organizzato e al narcotraffico.
Nell’intervista emergerà la connivenza tra potere centrale, crimine organizzato e finanza.
Il traffico internazionale di droga replica le dinamiche estrattiviste del sistema-mondo, drenando la poca ricchezza prodotta nelle periferie verso il centro.
Per ribaltare questo stato di cose, serve un mezzo comunicativo che dia voce al 99%, aiuta a costruirlo. Aderisci alla campagna di sottoscrizione di OttolinaTV su Gofundme e paypal

RUSSIA: dagli Oligarchi che piacevano all’Occidente al multipolarismo – ft Fiammetta Cucurnia

Carissimi Ottoliner, ospite di questa mattina per la nostra rubrica intervist8lina, Fiammetta Cucurnia: corrispondente dalla Russia per “la Repubblica”. Negli ultimi due anni ha più volte criticato la propaganda occidentale sul conflitto russo-ucraino, cercando di raccontare la guerra dalla prospettiva Russa. Intervista a cura di Giuliano Marrucci e Alessandro Bartoloni Saint Omer.

IL MASSIMO ESPERTO ITALIANO DI NORD COREA: Vi spiego il piano segreto di Kim Jong-un

Sempre più spazio alle interviste di OttolinaTV ed oggi, con Francesco Alarico della Scala, vi sveliamo il piano segreto di Kin Jong-un!

Il cambio delle politiche sulla riunificazione, l’incontro con Putin, i rapporti commerciali e altre curiosità sulla Corea, in onda dalle 18.30

Bologna, Modena, Torino: il PD censura la Pace – ft Andrea Lucidi, Vincenzo Lorusso e Clara Statello

Live dell’ultimo minuto incentrata sulla Russofobia di Stato. Ospiti di questo pomeriggio: Vincenzo Lorusso, Andrea Lucidi e l’immancabile Clara Statello. Sintonizzatevi a partire dalle 18.30 del 17 gennaio, per seguire la live.

  • 1
  • 2