Skip to main content

Tag: ucraina

Global Southurday – Trump manderà la NATO in corto circuito? – ft. Alberto Fazolo

Torna il consueto appuntamento del sabato con Alberto Fazolo per parlare di politica estera. Partiamo dalla rielezione di Ursula von der Leyen con il decisivo appoggio dei Verdi: la rielezione va in continuità con il rinnovato impegno bellico in Ucraina da parte dell’Ue. Successivamente l’intervista verte sugli euromissili e sull’addestramento di truppe ucraine alle porte di Roma, mostrando il coinvolgimento italiano nel conflitto. Un’eventuale elezione di Trump rischia inoltre di mettere in crisi il sistema delle scelte NATO, generando confusione e incertezze militari e politiche. Infin, si è parlato dell’attacco Houthi contro Tel Aviv di venerdì mattina che ha causato un morto e alcuni feriti, mostrando la fallacia del sistema di difesa anti-missile israeliano. Buona visione!

#UE #Russia #Ucraina #euromissili #guerra #pace #Israele #Yemen #Palestina #Trump #NATO

Il super impero pronto alla terza guerra mondiale piuttosto che perdere l’Ucraina

Per concludere Fest8lina in bellezza abbiamo realizzato una puntata della bolla dal vivo con i nostri Francesco dall’Aglio e Stefano Orsi, con la partecipazione diretta del pubblico che ha potuto interagire con i nostri analisti.

La NATO a capofitto verso la terza guerra mondiale – ft. Giacomo Gabellini

Oggi i nostri Clara e Gabriele intervistano Giacomo Gabellini attorno le dinamiche diplomatiche e belliche in atto nel continente euroasiatico. Le mosse turche e ungheresi segnano un cambio di passo nella politica europea e NATO verso l’Ucraina e la Russia, contrapponendo un fronte in dialogo con Trump (quasi certamente il prossimo presidente USA) per il raggiungimento di una soluzione diplomatica nell’Est Europa. Non mancano le tensioni nel Pacifico e nel Mar Cinese, dove il Giappone si muove alla ricerca di proprie certezze belliche in caso di conflitto. Buona visione!

#NATO #USA #Orban #Turchia #Trump #Ucraina #Giappone #Cina

L’esercito cinese arriva in Europa – ft. Alberto Fazolo

Settimana densa di eventi politici e geopolitici rilevanti: il vertice NATO, la diplomazia eterodossa di Orban in relazione al conflitto ucraino, le esercitazioni congiunte tra Bielorussia e Cina vicino al confine con la Polonia e il prosieguo delle operazioni militari israeliane e quindi del genocidio a Gaza. Ne parliamo nel consueto appuntamento del sabato con Alberto Fazolo e il nostro Gabriele Germani. Buona visione!

#NATO #pace #UE #guerra #Russia #Ucraina #Cina #Orban #Bielorussia #Palestina

La Cina reagisce all’aggressione della NATO e di rimbamBiden con portaerei e crescita economica

Un piano da guerra fredda: così il virgolettato a piena pagina con il quale il Corriere della serva riassumeva il summit NATO di Washington che si è concluso ieri; le parole sono del solito Stoltenberg che prima di lasciare il posto al successore ha voluto ribadire la sua aspirazione a compensare le intemperanze giovanili tra le fila della sinistra antimperialista accennando a quello che ha definito – appunto – il più vasto piano di difesa dalla guerra fredda. Mentre registriamo questo pippone non abbiamo ancora la versione ufficiale della risoluzione finale, ma tutti i media mainstream ieri pomeriggio davano per scontato che il summit sarebbe dovuto servire per mettere un eventuale Trump vincitore delle presidenziali di novembre di fronte al fatto compiuto di una roadmap irreversibile per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO; tradotto: come sosteniamo dal febbraio 2022, l’idea che la guerra in Ucraina è soltanto uno dei fronti della guerra globale dell’impero contro il resto del mondo e che non potrà risolversi fino a che non finiscono di incendiarsi anche tutti gli altri fronti, e alla fine qualcuno vince.
L’impegno principale per provare a permettere all’Ucraina di resistere ancora un po’ alla superiorità militare russa riguarda gli F-16: secondo Zelensky ne servirebbero 130; per ora ne hanno promessi una quarantina. E’ un buon inizio, anche se ancora non si capisce chi li piloterà e come faranno a tenere al sicuro le infrastrutture necessarie per farli decollare e per mantenerli operativi. Come ricorda John Helmer sul suo blog, infatti, negli ultimi giorni “Il comando russo ha lanciato una nuova serie di attacchi missilistici contro gli aeroporti ucraini di Voznesensk e Mirgorod dove è previsto lo spiegamento degli F-16”; per aumentare la capacità di proteggerli, al summit sono state promesse diverse altre cose e l’Italia di Giorgia la patriota ha deciso di fare la sua parte: manderemo un altro sistema Samp-T e così rimarremo totalmente in balìa degli eventi, che non è proprio rassicurante perché nel frattempo, a quanto pare, ci staremmo attrezzando per ospitare sistemi missilistici a lungo raggio che la Russia non può che vedere come una minaccia più o meno diretta e che, in caso di ulteriore escalation (che è più facile avvenga che no), potrebbe considerare bersagli diretti. A quel punto, a difenderci ci sarebbero sostanzialmente soltanto – come sottolinea l’ex carabiniere Claudio Antonelli su La Verità – “missili Patriot che” però “non sono nostri ma sono dislocati in alcune basi NATO lungo la penisola”; tradotto: siamo totalmente in balìa di altri, dai quali dipendiamo completamente e dai quali non ci potremmo mai distinguere, pena diventare più vulnerabili di un gatto in tangenziale. Al che uno pensa: chissà i patrioti de La Verità come la prenderanno male ‘sta cosa! Macché: brindano felici. Il punto è che in cambio, a quanto pare, potremmo ottenere la nomina di un inviato speciale speciale per l’Africa e il Medio Oriente e che la scelta potrebbe ricadere su un italiano; insomma: i patrioti de La Verità accettano con gioia di “allinearsi ad est, ma almeno in cambio arriva un primo riconoscimento utile”. Ci riprenderemo l’Abissinia.

F-16

Visto che pretendere di essere uno stato indipendente e sovrano pare troppo, il sovranismo da balera accoglie con entusiasmo l’idea di diventare finalmente davvero la portaerei dell’imperialismo USA nel Mediterraneo e, in cambio, spera di ottenere qualche concessione coloniale; peccato che le colonie la vedano un po’ diversamente: come ricorda Foreign Policy infatti, sabato scorso “Burkina Faso, Mali e Niger hanno annunciato di aver formalizzato la loro Alleanza degli Stati del Sahel, giusto un giorno prima che il blocco regionale della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) tenesse un vertice nella capitale della Nigeria, Abuja, per discutere le modalità per riportarli nell’ovile”.
La beffa è che, ancora una volta, tutto questo sforzo che facciamo esponendoci senza ottenere niente in cambio con ogni probabilità servirà a poco o niente: “Il pacchetto di armi annunciato dalla NATO” ha commentato David Salvo del German Marshall Fund “aiuterà a mitigare la superiorità aerea russa, proteggendo città e infrastrutture civili, ma non certo a riconquistare territori”; più che a aumentare le possibilità di vittoria in Ucraina, tutta l’operazione in realtà sembra di nuovo volta a rendere l’Europa ancora più vulnerabile e ricattabile e costringerla, così, a contribuire a un altro fronte del quale sinceramente non ce ne potrebbe fregare di meno. Con la partecipazione straordinaria di Giappone, Corea del Sud e Nuova Zelanda, il summit per celebrare i 75 anni dell’alleanza atlantica infatti è servito più che altro a formalizzare l’idea che la Cina, insieme all’Iran e alla Corea del Nord, rappresentano “un pericolo per l’Europa e la sicurezza” e l’unico modo per mettersi al sicuro è trasformare definitivamente la NATO, da alleanza difensiva per proteggere l’Europa, in un grande esercito globale a guida USA pronto a dispiegarsi ai 4 angoli del pianeta per ingaggiare una guerra totale contro chiunque si azzardi ad avanzare critiche contro la dittatura suprematista dell’ordine neoliberale: “A medio termine” chiarisce ancora John Helmer “il blocco NATO diventerà globale” e avanzerà “direttamente ai confini della Cina e dell’estremo oriente della Russia”. Peccato, però, che nessuno ce li voglia: il piano per l’accerchiamento della Cina, infatti, non sta riscontrando tutto questo successo. La prova provata è stato il finto summit per la pace in Ucraina che si è tenuto in Svizzera: a parte le semi-colonie USA, i paesi asiatici – nella migliore delle ipotesi – c’hanno mandato qualche funzionario di quart’ordine che voleva andare a respirare un po’ d’aria di montagna e nessuno ha firmato la risoluzione finale; nel frattempo piuttosto, paesi un tempo considerato fedeli alleati – dalla Thailandia alla Malesia – hanno fatto richiesta formale di adesione ai BRICS+. Ma tra tutte le innumerevoli defezioni, ce n’è una in particolare che pesa più di tutte: è quella dell’India di Modi che, ormai, sembra quasi divertirsi a triggerare le ex potenze coloniali; mentre a Washington si celebrava il summit NATO infatti, Modi, per la prima volta per un presidente indiano, ha scelto come destinazione per la sua prima trasferta ufficiale da presidente neoeletto, invece che un paese del sud asiatico, nientepopodimeno che la Russia del plurimorto dittatore e quando è atterrato ci mancava giusto si infilassero la lingua in bocca. Pochi giorni prima, Russia e India si erano sedute fianco a fianco al tavolo della Shanghai Cooperation Organization, dove avevano sdoganato ufficialmente tutti insieme appassionatamente un altro Stato considerato dell’imperialismo unitario uno stato canaglia come la Bielorussia.
Con l’India che fa i capricci e segna platealmente i paletti della sua indipendenza e sovranità, la strategia nell’est asiatico degli USA è costretta a una cambio di rotta piuttosto imponente; una volta esisteva il concetto inventato ad hoc dell’impero dell’Indo-Pacifico e il QUAD, la rete delle alleanze a guida USA incentrata – appunto – sull’India. Di questo passo, di Indo-Pacifico finalmente, come per magia, non sentirete più parlare: tutta la partita si sposterà ancora più verso est e, al posto del QUAD, come l’ha ribattezzato Andrew Korybko, sentirete parlare dello SQUAD, con un colosso come l’India sostituito da un peso piuma come le Filippine: non esattamente un progresso, diciamo. D’altronde, come ricorda anche (in un momento di rara lucidità) il sempre pessimo Stefano Stefanini su La Stampa, “Modi sta al gioco americano nel contenimento della Cina, ma non su questioni nelle quali ritiene che l’interesse nazionale indiano sia diverso dalle posizioni USA e europee. Ed è ormai abbastanza chiaro che questo atteggiamento sull’Ucraina sia condiviso da molti Paesi del Sud globale. Facciamocene una ragione” sottolinea realisticamente; tutto questo “non cambierà”, dall’India, all’Arabia Saudita. Secondo Bloomberg infatti, nonostante il vento di rinascimento renziano che spira dalla petromonarchia, i sauditi “avrebbero lanciato un altolà: se G7 e Ue sequestrano le ricchezze della Russia, l’Arabia Saudita potrebbe rifiutarsi di comprare titoli del debito francese e di altri Paesi europei (Italia inclusa)”; e la Cina dà più di un segnale di essere in grado di approfittare di questo allontanamento di tanti paesi considerati amici fino a ieri dal centro imperiale: in questi giorni, infatti, a largo dell’Isola giapponese di Miyako si sta tenendo una grande esercitazione internazionale capitanata dagli USA e che vede l’impiego di 40 navi di superficie, 3 sottomarini, 150 aerei e oltre 25 mila uomini in uniforme. Lo scopo dell’esercitazione – hanno affermato ufficialmente gli USA – è quello di “scoraggiare e sconfiggere l’aggressione da parte delle maggiori potenze in tutti i settori e livelli di conflitto” e il tutto si dovrebbe concludere col tentativo di affondare una nave statunitense in pensione da 40 mila tonnellate: un monito esplicito verso la Cina, visto che è l’unico paese (oltre gli USA) a possedere navi da guerra di questo tipo in quell’area di Pacifico, ma che non sembra aver spaventato troppo Pechino; in concomitanza con l’esercitazione imperiale, l’esercito di liberazione popolare infatti ha deciso di rilanciare e ha avviato un’altra esercitazione che vede coinvolta la portaerei Shandong scortata dal cacciatorpediniere lanciamissili Type 055 Yanan, dal cacciatorpediniere Type 052D Guilin e dalla fregata lanciamissili Type 054A Yuncheng.
Che prima o poi qualcosa vada storto è piuttosto verosimile e, con il clima che corre, evitare reazioni eccessive potrebbe essere piuttosto complicato; e in Giappone in diversi cominciamo a esprimere più di qualche perplessità: ovviamente l’insofferenza verso i venti di escalation, come sempre, parte da Okinawa, dove gli oltre 30 mila effettivi delle forze armate americane hanno una lunga tradizione di soprusi e di incomprensioni con la popolazione locale. Ultimamente la faccenda, però, rischia di sfuggire di mano un po’ come ormai quasi 30 anni fa, quando (nonostante i tentativi di censura) venne a galla la notizia dello stupro di gruppo da parte dei Marines di una bambina di 12 anni e i locals non la presero esattamente benissimo, diciamo: l’ultimo episodio risale al 25 giugno scorso, quando i media locali hanno pubblicato la notizia di un altro tentativo di stupro risalente a qualche mese prima; 3 giorni dopo è emersa la notizia di un altro tentativo di stupro. In entrambi i casi, i vassalli USA hanno cercato di nascondere la notizia e quando emersa è scoppiato un macello: “Ci hanno detto per decenni che l’esercito americano è qui per proteggerci” avrebbe affermato una delle leader delle mobilitazioni al South China Morning Post, “ma è vero il contrario. La gente è furiosa e spero che questo possa essere il punto di svolta per le basi di Okinawa”; e non è certo l’unico ostacolo alla militarizzazione del Giappone: “Le forze armate giapponesi non hanno mai combattuto una vera guerra” scrive Grant Newsham su Asia Times, “ma lo scorso anno sono riuscite comunque a subire una sconfitta schiacciante: hanno mancato del 50% gli obiettivi di reclutamento. L’anno prima, del 35%. E si sono confermate una forza vecchia, a corto di personale e oberato di lavoro”.
Insomma: anche a questo giro gli eredi del mascellone dimostrano di aver un fiuto infallibile per la cause perse e per le scorciatoie che portano inesorabilmente il paese allo scatafascio e non è certo questione di sinistra ZTL o finto-sovranisti, come dimostra il paese che – forse più in assoluto – sta vivendo un declino di una rapidità inimmaginabile, il capostipite di ogni colonialismo, il Regno Unito. Contro l’avanzata in tutto il vecchio continente delle destre reazionarie, in Inghilterra la settimana scorsa s’è affermato il labour, depurato da quello sprazzo di speranza che era stato per tutti noi il caro vecchio Jeremy Corbyn: alla faccia della democrazia, col 35% scarso dei voti ha conquistato il 65% dei seggi, che consegnano il paese a uno dei personaggi più repellenti della politica contemporanea, l’insostenibile Keir Starmer, persecutore di Assange in combutta con i servizi USA, fervente sostenitore dello sterminio dei bambini palestinesi, fiero oppositore di ogni ipotesi di tassazione dei super-ricchi e che ha inaugurato il suo nuovo incarico con un video super-cringe sui social dove si vede lui al telefono con Biden confabulare su cos’è necessario fare per ingaggiare la guerra contro la Cina nel Pacifico e che, nel suo debutto al vertice NATO, ha dato l’autorizzazione ufficiale a utilizzare missili inglesi per attaccare direttamente la Russia.
Il più pulito c’ha la rogna e sarebbe il caso di provare seriamente a mandarli tutti a casa prima che sia troppo tardi; per farlo, prima di tutto, ci serve un vero e proprio media che ribalti come un calzino la loro patetica propaganda e che dia voce al 99%. Aiutaci a costruirlo: aderisci alla campagna di sottoscrizione di Ottolina Tv su GoFundMe e su PayPal.

E chi non aderisce è Tony Blair

L’Ucraina e l’estrema destra in Europa – con Michele Manfrin

Nell’ultimo decennio, l’Ucraina ha costituito l’epicentro teorico e militare di quella che Olena Semenyaka, l’ideologa di Azov, definisce la “rivoluzione conservatrice mondiale”. I neonazisti ucraini, infatti, sono tutt’altro che soli. Esiste una rete solida e strutturata che connette i vari Azov e Pravyï Sektor a centinaia di fazioni alleate in tutto il mondo (Italia inclusa). Ne parliamo con Michele Manfrin, giornalista de L’indipendente e studioso di relazioni internazionali e geopolitica che all’Internazionale Nera ha dedicato un’approfondita inchiesta.

L’ordine mondiale è in frantumi? – ft. Francesco dall’Aglio

Torna Francesco dall’Aglio per parlarci di Ucraina, delle ultime novità dal fronte e sul bombardamento ucraino a Sebastopoli: cosa cambia questo sul fronte e sui rapporti tra Russia e NATO? Tentiamo anche di far luce sulla vicenda droni-aerei tra Mar Nero e Siria: sullo sfondo, le indiscrezioni fatte trapelare dal team di Trump su una proposta di pace dell’ex presidente, futuro candidato del Partito Repubblicano. La proposta ha ottenuto un tiepido riscontro iniziale a Mosca. Intanto nel mondo sorgono nuove tensioni e nuovi territori di scontro, non necessariamente tutti correlati alle dinamiche tra grandi potenze: Bolivia, Kenya, Haiti, Nuova Caledonia e Daghestan testimoniano un cambiamento generale. Buona visione!

#Ucraina #Russia #Trump #sebastopoli #droni #Siria #Crimea #NATO #caos

Quest’estate torna FEST8LINA, la festa del 99%, dal 4 al 7 luglio al circolo ARCI di Putignano a Pisa: quattro giornate di dibattiti e di convivialità con i volti noti di Ottolina Tv. Facciamo insieme la riscossa multipopolare!

Fest8lina, perché la controinformazione è una festa!

Global Southurday – Volete Trump o la guerra? I dem USA seminano terrore nel mondo – ft. Alberto Fazolo

Torna il consueto appuntamento del sabato mattina di Ottolina Tv con i nostri Gabriele e Alberto Fazolo. I temi del giorno sono la liberazione di Assange e il suo ritorno in Australia, i mandati di arresto della Corte Penale Internazionale contro due esponenti della classe dirigente russa di primo piano (Gerasimov e Shoigu), l’attacco terroristico in Daghestan della settimana passata, il piano di pace di Trump per l’Ucraina, la proposta di pace di Netanyahu alla Knesset, i venti di guerra sul Libano;, il tentato golpe in Bolivia e le proteste in Kenya. Tanti argomenti per raccontare un mondo caotico, un ordine internazionale in frantumi in cui la potenza egemone non è più grado di imporre un qualche motivo ordinatore (giusto o ingiusto che sia). Sullo sfondo gli sfidanti e una serie di pulsioni centrifughe che ribaltano qualsiasi principio comune o di certezze generale. Trump, ormai dato per favorito alle elezioni USA, al netto delle proprie criticità umane e politiche sembra una garanzia maggiore per la pace mondiale rispetto al confuso Biden e alla sua corte del Partito Democratico USA, intriso di bellicismo e suprematismo umanitario. Buona visione!

#Trump #Ucraina #Russia #Shoigu #guerra #Gerasimov #CPI #Israele #Libano #Bolivia #Daghestan #terrorismo #Kenya #Assange

Quest’estate torna FEST8LINA, la festa del 99%, dal 4 al 7 luglio al circolo ARCI di Putignano a Pisa: quattro giornate di dibattiti e di convivialità con i volti noti di Ottolina Tv. Facciamo insieme la riscossa multipopolare!

Fest8lina, perché la controinformazione è una festa!

Come la piovra militare della NATO ha inglobato l’Ucraina – ft. David Colantoni

Oggi il nostro Gabriele torna ad intervistare David Colantoni, scrittore e artista, presentando il panel in cui David esporrà le sue uniche teorie sulla classe militare, il suo ruolo all’interno della NATO e la penetrazione pluridecennale della NATO in Ucraina. Sullo sfondo, intrighi di potere e denaro, ricatti e manovre politiche che alla fine spinsero l’Ucraina nelle braccia di Regno Unito e Stati Uniti, fino ad arrivare ad essere il terzo contingente militare presente in Iraq per numero di uomini. Il panel di David Colantoni sarà a Pisa (Circolo Arci di Putignano) domenica 7 luglio alle 11 del mattino. Non mancate!

Quest’estate torna FEST8LINA, la festa del 99%, dal 4 al 7 luglio al circolo ARCI di Putignano a Pisa: quattro giornate di dibattiti e di convivialità con i volti noti di Ottolina Tv. Facciamo insieme la riscossa multipopolare!

Fest8lina, perché la controinformazione è una festa!

Il golpe militare in Israele – ft. Alberto Fazolo

In Israele arrivano i colonnelli? Oggi torna, per il consueto appuntamento del sabato mattina attorno al mondo, Alberto Fazolo intervistato dal nostro Gabriele Germani. Gli argomenti affrontanti sono il fallimento della conferenza di pace in Svizzera, la controproposta di pace presentata da Putin e quella in sei punti presentata da Brasile e Cina, la visita di Putin in Corea del Nord e Vietnam, il processo di dedollarizzazione in atto nel mondo e simboleggiato dalle recenti azioni dell’Arabia Saudita e, infine, lo scontro istituzionale all’interno di Israele, dove l’esercito ha sconfessato le parole del governo. Uno scenario complesso e in cui tenteremo di fare maggiore chiarezza. Buona visione!

#Svizzera #Pace #Russia #G7 #BRICS #Cina #Ucraina #Libano #Israele #golpe #Hamas #Hezbollah

Quest’estate torna FEST8LINA, la festa del 99%, dal 4 al 7 luglio al circolo ARCI di Putignano a Pisa: quattro giornate di dibattiti e di convivialità con i volti noti di Ottolina Tv. Facciamo insieme la riscossa multipopolare! Per aiutarci ad organizzarla al meglio, facci sapere quanti giorni parteciperai
e le tue esigenze di alloggio compilando il form e, se vuoi aiutarci ulteriormente, partecipa come volontario.

Fest8lina, perché la controinformazione è una festa!

Trump non regalerà a Putin la vittoria in Ucraina – ft. Federico Petroni

La corsa alla Casa Bianca procede a colpi di tribunale, con la condanna di Hunter Biden che arriva a meno di due settimane di quella a Donald Trump. Le decisioni dei giudici quanto determineranno le decisioni degli elettori? E nel caso di una vittoria, Trump metterebbe davvero fine alla guerra in Ucraina? Cosa farà l’Ue? Ne abbiamo discusso con Federico Petroni, analista di Limes. Buona visione   

#USA #Trump #HunterBiden #Putin #Russia #Ucraina

Quest’estate torna FEST8LINA, la festa del 99%, dal 4 al 7 luglio al circolo ARCI di Putignano a Pisa: quattro giornate di dibattiti e di convivialità con i volti noti di Ottolina Tv. Facciamo insieme la riscossa multipopolare! Per aiutarci ad organizzarla al meglio, facci sapere quanti giorni parteciperai
e le tue esigenze di alloggio compilando il form e, se vuoi aiutarci ulteriormente, partecipa come volontario.

Fest8lina, perché la controinformazione è una festa!

Gli USA in Ucraina abbattono l’ultimo tabù e ufficializzano l’invio di armi ai neonazisti

La love story tra liberal americani e post-neofascisti europei si arricchisce di un nuovo capitolo ogni giorno che passa: dopo aver osannato i reduci nazisti della divisione Galizia, aver approfittato delle celebrazioni del D-Day per rivedere l’intera storia della seconda guerra mondiale come lotta del mondo libero contro il totalitarismo asiatico, e aver sdoganato i partiti politici post-fascisti alla vigilia delle elezioni – in quanto migliori referenti possibili immaginabili per trascinare il vecchio continente nella guerra totale contro il resto del mondo – lunedì scorso l’amministrazione revisionista USA ha infranto anche l’ultimo tabù. Che il partito unico della guerra e degli affari di Washington armi indiscriminatamente tutti i peggiori fondamentalisti invasati del pianeta e li sostenga nelle loro azioni terroristiche non è certo una novità, ma, fino ad oggi, si è sempre cercato di farlo un po’ di nascosto e mantenendo un minimo le forme, certi anche della complicità dei media mainstream sempre pronti a negare l’evidenza per coprire i peggiori crimini dell’impero; lunedì, invece, il leader del mondo libero ha approfittato del panico post-elettorale per revocare formalmente il divieto (in vigore da anni) di fornire direttamente armi USA ai neonazisti del battaglione Azov: d’altronde, come sottolinea il Washington Post, il battaglione, “noto per la sua tenace ma alla fine fallita difesa dell’acciaieria Azovstal a Mariupol… è considerato una forza combattente particolarmente efficace”. Peccato però che, nonostante le rassicurazioni di David Parenzo e di Bruno Vespa, “un decennio fa gli è stato impedito di usare armi americane perché i funzionari statunitensi hanno stabilito che alcuni dei suoi fondatori abbracciavano opinioni razziste, xenofobe e ultra-nazionaliste, e i funzionari delle Nazioni Unite per i diritti umani hanno accusato il gruppo di violazioni umanitarie”; questo, ovviamente, non ha impedito fino ad oggi di armarli come, in passato, remore più o meno simili non hanno mai impedito di gestire il traffico internazionale di stupefacenti per finanziare operazioni sotto copertura, sostenere gruppi terroristici di estrema destra per reprimere movimenti sociali e architettare colpi di Stato o assistere tagliagole jihadisti per attentare alla sovranità nazionale di qualche stato in Medio Oriente. Ciononostante, dover passare da sotterfugi vari, in un modo o in un altro, complica comunque la vita e – vista la situazione sul campo – di aggiungere complicazioni che servono solo a tenere un po’ a bada gli analfoliberali più petalosi evidentemente, non è più cosa; e se questo significa arrampicarsi sugli specchi pazienza, che tanto ai media conniventi che je frega? Loro i nazisti di Azov li hanno già assolti e sdoganati da mo’.
Rispetto ai mezzi di produzione di propaganda e fake news, le istituzioni USA comunque devono rispettare qualche piccola formalità in più, almeno in teoria: il divieto a fornire armi ai neonazisti del battaglione Azov, in particolare, derivava dall’applicazione della cosiddetta Legge Leahy che, appunto, vieta al governo USA di fornire assistenza militare e finanziaria a unità straniere “laddove esistano informazioni credibili che imputano a tale unità gravi violazioni dei diritti umani”; in particolare, la legge fa riferimento esplicito a crimini quali “torture, esecuzioni extragiudiziali, sparizioni forzate e stupri”, tutti crimini che “vengono esaminati sulla base dei fatti specifici”. Ergo, se gli USA non fornivano assistenza al battaglione Azov da 10 anni, in base a questa legge è perché aveva esaminato nello specifico alcuni episodi di “torture, esecuzioni extragiudiziali, sparizioni forzate e stupri” dei quali i nostri beneamati lettori di Kant si erano resi colpevoli.

Sviatoslav Palamar

Inizialmente, questo divieto ha escluso il battaglione Azov dai salotti buoni, almeno a favore di telecamera: lo ribadisce con forza il vice comandante del battaglione Sviatoslav Palamar proprio al Washington Post; Palamar, nonostante i suoi appena 41 anni, è un vero e proprio pezzo di memoria storica del neonazismo ucraino che ha contribuito in primissima persona a costruire e consolidare, sin dalle origini, partecipando attivamente a ogni sua evoluzione. Nel 2000, ancora minorenne, è andato infatti a ingrossare le fila della neonata organizzazione dei patrioti dell’Ucraina, l’ala militare del Partito Nazional Socialista Ucraino che, ovviamente, si chiamava così perché era una specie di club del libro per cultori di Kant e non – come pretenderebbero i propagandisti putinisti – perché vivevano nel culto di Adolf Hitler; partecipando con entusiasmo al golpe eterodiretto dagli USA, sperava di venire adeguatamente premiato e, invece, proprio mentre si preparava ad andare a fare un po’ di carne da macello di quegli impuri dei secessionisti russofoni, ecco la doccia fredda: “Palamar” riporta il Post “viene a sapere che la sua unità è stata bandita dal ricevere armi e addestramento dagli USA”. Ed ecco così che altre truppe delle guardie nazionali, spesso ideologicamente non molto diverse dalla sua, erano “invitate ad addestrarsi all’estero”; quei poveri ragazzi volenterosi (ma ingiustamente discriminati) di Azov, no. Ma siccome sono veri eroi, invece di abbattersi “si scaricavano i manuali della NATO online e imparavano da soli i vari protocolli dalle varie fonti aperte”; insomma: un po’ Hermann Goering, ma anche un po’ MacGyver. Il divieto USA è rimasto in piedi anche quando il battaglione Azov s’è ritrovato sostanzialmente da solo a resistere all’avanzata russa, come nella lunga battaglia dell’Azovstal che Palamar ha guidato direttamente dal fronte; anche in quel caso, le armi fornite copiosamente dagli USA hanno dovuto comunque almeno fare finta di fare un giro e passare da altre truppe, e anche se l’affermazione che Palamar fa al Post – addirittura di non aver mai ricevuto, durante l’assedio, sistemi d’arma USA – è piuttosto palesemente una cazzata, evidentemente questo trabagai qualche problemino l’ha provocato e ancora oggi gli ucraini sono convinti che, senza il divieto, gli aitanti neonazisti di Azov avrebbero probabilmente potuto resistere meglio e più a lungo.
Ma allora com’è che questo divieto cade proprio adesso? E, a quanto mi risulta, una volta che hai determinato “sulla base di fatti specifici” che quell’unità si è resa colpevole delle violazioni previste dalla Legge Leahy, non è che poi, di punto in bianco, decidi che chi ha dato ha dato e scordammoc o’ passat: la legge, infatti, prevede che il caso possa essere nuovamente rianalizzato, ma solo nel caso il Segretario di Stato determini – e riporti formalmente al Congresso – che il governo del paese in questione abbia compiuto passi concreti per assicurare che i membri dell’unità in questione, ritenuti responsabili di quegli atti, vengano consegnati alla giustizia; ma in Ucraina negli ultimi 2 anni non solo (per quanto è a mia conoscenza) non c’è mai stato neanche un singolo caso di un tagliagole azovita che è stato chiamato a rispondere dei suoi crimini, ma piuttosto ci sono stati vari episodi dove i tagliagole azoviti hanno minacciato (più o meno esplicitamente) Zelensky per non avergli garantito l’assistenza necessaria.
Il punto è che nonostante – per stessa ammissione degli USA – si tratti di un battaglione capeggiato da criminali neonazisti, la guerra si fa con quello che si ha, soprattutto quando le cose diventano complicate; e che le cose siano complicate, soprattutto dal punto di vista dell’arruolamento, sembra abbastanza conclamato. L’ultimo indizio sono queste foto pubblicate dall’agenzia di stampa turca Anadolu: mostrano alcune fasi dell’addestramento di un reparto di mobilitati ucraini nella zona di Kahrkiv e, come sottolineava un paio di giorni fa il nostro dall’Aglio sul suo account Facebook tra un eufemismo e l’altro, “oltre ad essere piuttosto anziane, le reclute non sembrano nemmeno particolarmente in salute, conseguenza probabilmente dell’eliminazione della categoria parzialmente abile che ha consentito di arruolare personale che prima non era preso in considerazione per il servizio attivo”. Per non dare adito a eccessivo wishful thinking, il nostro Bulgaro sottolinea come la mobilitazione “tutto sommato funziona”, ma – sottolinea con un altro eufemismo – “il materiale umano che si riesce a trovare non è più di prima scelta”.
Gli unici che sembrano riuscire ancora ad attirare quel pochissimo che rimane di gente veramente arruolabile sono, appunto, gli azoviti: in particolare, dall’assedio dell’Azovstal il battaglione è diventato il simbolo per eccellenza della resistenza del popolo ucraino “e Azov libero” sottolinea il Post “è diventato un grido di battaglia comune nelle proteste a Kiev”; grazie a questa aura, in pochi mesi il battaglione che, da circa un anno, è stato trasformato definitivamente in brigata all’interno della Guardia Nazionale, è stato in grado di reclutare 5000 nuovi soldati in perfetta forma fisica e psichica. Continuare a dover fare i peggio rigiri per armarli come si deve e quando serve è un lusso che evidentemente non ci si può più permettere, anche se significa riabilitare formalmente dei criminali neonazisti e pure violare, in modo piuttosto palese, la stessa legge statunitense. E voi che pensavate che il problema era che ormai avevano sdoganato addirittura la Le Pen… L’impero in guerra contro il resto del mondo è costretto a gettare la maschera della fiction liberaloide e ad affidarsi sempre più alle care vecchie camice nere, da Bruxelles all’Ucraina: forse, sarebbe il caso di darsi una svegliata. Per farlo, ci serve un vero e proprio media che, invece che al partito unico della guerra e degli affari, dia voce al 99%. Aiutaci a costruirlo: aderisci alla campagna di sottoscrizione di Ottolina Tv su GoFundMe e su PayPal.

E chi non aderisce è Bruno Vespa

Quest’estate torna FEST8LINA, la festa del 99%, dal 4 al 7 luglio al circolo ARCI di Putignano a Pisa: quattro giornate di dibattiti e di convivialità con i volti noti di Ottolina Tv. Facciamo insieme la riscossa multipopolare! Per aiutarci ad organizzarla al meglio, facci sapere quanti giorni parteciperai
e le tue esigenze di alloggio compilando il form e, se vuoi aiutarci ulteriormente, partecipa come volontario.

Fest8lina, perché la controinformazione è una festa!