Skip to main content

Tag: xi jinping

Xi Jinping in Vietnam: cos’è successo e perché nessuno ne parla?


Sui giornali cinesi di questa settimana si è parlato molto del viaggio di Xi Jinping in Vietnam. I due paesi hanno concordato di elevare le loro relazioni e di voler costruire una comunità Cina-Vietnam con un futuro condiviso. Scopo della decisione è rivitalizzare il socialismo mondiale e mantenere la pace e la stabilità dell’Asia Pacifico.
Sulle iniziative globali cinesi: https://youtu.be/OM6rZv7riZs

LA DISFATTA – Gaza, Ucraina, Vietnam: per l’Imperialismo USA la débâcle è MONDIALE

Dopo il settecentesimo voto all’ONU di praticamente tutto il resto del mondo contro l’asse del male USA – Israele – Ucraina più qualche isola della Micronesia, Zio Biden finalmente è stato costretto a far finta di fare la predica a Netanyahu. L’obiettivo? Convincerlo ad accontentarsi di questi 10 mila bambini trucidati e tornare a cancellare la Palestina dalla storia, come era buona usanza prima del 7 ottobre: in silenzio, senza fare troppo rumore, un insediamento illegale e una nuova legge segregazionista alla volta. Nel frattempo, anche per la retorica bellicista in Ucraina è arrivato il momento di fare un passo indietro; d’altronde basta chiedere ai mezzi di produzione del consenso di cambiare, dal giorno alla notte, il senso della parola vittoria: fino a ieri significava riconquistare tutti i territori persi dopo il 24 febbraio (e pure la Crimea). Oggi, come ha affermato il capo del consiglio di sicurezza ucraino Danilov alla BBC, “Già aver continuato a combattere per due anni può essere considerato una vittoria”; e senza l’approvazione di un bel pacchetto di aiuti sostanzioso, il rischio immediato – nei prossimi mesi – è ritrovarsi con un’Ucraina in bancarotta e senza manco più l’accesso al mare.
Anche in Asia le cose vanno peggio del previsto; il Vietnam, ad esempio, veniva annoverato tra le punte di diamante di quella che veniva definita l’Alt Asia, e cioè i paesi in via di sviluppo asiatici che potevano diventare la nuova Cina: altrettanto convenienti, ma molto più docili nei confronti dell’Occidente. Evidentemente, a Washington di cominciare a capire che il mondo è cambiato continuano a non averne molta voglia; l’era delle repubbliche delle banane nel Sud del mondo, infatti – temo – è tramontata per sempre e i paesi sovrani di essere arruolati in qualche schieramento non ne vogliono sapere. Ed ecco così che martedì, ad Hanoi, veniva accolto in pompa magna Xi Dada per inaugurare una nuova stagione di partnership strategica ai massimi livelli tra i due paesi. Attenzione, però: questo non significa che il Vietnam abbia deciso di schierarsi con la Cina; ha deciso piuttosto, appunto, di fare i suoi interessi. Il punto, però, è che un mondo di stati sovrani che fanno i loro interessi e dialogano alla pari con tutti è proprio il mondo che vorrebbe la Cina. E l’incubo degli USA che ormai, ogni giorno che passa, sembrano sempre più intrappolati tra l’incudine e il martello: da un lato vorrebbero continuare a imporre al mondo l’ordine unipolare creato dalla globalizzazione neoliberista dove, al centro, c’è il loro impero finanziario e tutt’attorno gli altri, che possono accompagnare solo; dall’altro, però, dopo aver toccato con mano il fatto che dopo 40 anni di finanziarizzazione non hanno più un’industria in grado di sostenere una guerra contro un’altra grande potenza, vorrebbero “make america great again”.
Il rischio serio è che non abbiano più gli strumenti per perseguire né l’uno né l’altro obiettivo; per l’Occidente collettivo, abituato a dominare incontrastato con la forza il pianeta da ormai 5 secoli, sembra quasi essere una prospettiva inverosimile: ed eccoli, così, che si rifugiano nel mondo incantato della post verità. Lunedì, al senato, Fratelli d’Italia ha organizzato un seminario: “I vantaggi di un mondo post Russia”, era il titolo. E se fosse arrivato il momento giusto per mandarli tutti a casa?
Martedì scorso è tornata in scena l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, chiamata a riunirsi di nuovo in via straordinaria dopo poco più di un mese dal voto del 26 ottobre: sul piatto, ovviamente, c’era – di nuovo – la risoluzione per la richiesta di un cessate il fuoco immediato a Gaza. Venerdì scorso, infatti, per la quinta volta dall’inizio del conflitto il veto USA a sostegno della guerra di Israele contro i bambini di Gaza aveva impedito al consiglio di sicurezza di prendere una decisione; e così la palla torna all’assemblea generale, dove gli USA e l’asse del male dei paesi che appoggiano lo sterminio della popolazione civile di Gaza avevano basse aspettative. Già il 26 ottobre, infatti, erano stati messi in minoranza e l’assemblea aveva approvato la risoluzione per un soffio: 120 favorevoli contro 14 contrari e 45 astenuti. Per approvare una risoluzione relativa a conflitti in corso, l’assemblea generale dell’ONU – infatti – deve superare la maggioranza qualificata dei due terzi che, a quel giro, era stata superata di appena un voto e, da allora, per il Nord globale e per i sostenitori dello sterminio unilaterale come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali le cose non hanno fatto che peggiorare. Il 7 novembre scorso, infatti, si era riunito il terzo comitato dell’Assemblea Generale dell’ONU, responsabile delle questioni relative agli affari sociali e ai diritti umani; l’Occidente collettivo aveva votato compatto per impedire l’adozione di una risoluzione che condannava l’“uso di mercenari come mezzo per violare i diritti umani e impedire l’esercizio del diritto dei popoli all’autodeterminazione”, contro una delibera che prevedeva la “promozione di un’equa distribuzione geografica dei membri degli organi previsti dal Trattato sui diritti umani” (e cioè che a decidere sulle questioni inerenti i diritti umani non fossero sempre e solo i rappresentanti di una piccola minoranza di paesi privilegiati), contro una risoluzione che mirava a promuovere “diritti umani e diversità culturale” – che non sia mai che qualcuno si metta in testa che esistono altre culture legittime, oltre a quella delle ex potenze coloniali – e pure contro un’altra per la “promozione di un ordine internazionale democratico ed equo”. Ma tutte e 4 le volte, fortunatamente, era stato preso a pesci in faccia, ma di brutto proprio: 123 a 54, 126 a 52, 128 a 52 e 130 a 54, che per gli standard USA all’ONU – ormai – comunque è già un mezzo successo, diciamo.
Quattro giorni prima, ad esempio, aveva perso 187 a 2: in ballo c’era la vecchia questione della fine del bloqueo, l’embargo criminale degli USA contro la popolazione cubana che va avanti da oltre 60 anni e che permette agli USA di affamare manu militari un intero popolo e poi dare la colpa al socialismo; a votare contro insieme agli USA – giustamente e coerentemente – il regime fondato sull’apartheid dello stato di Israele. Unico astenuto – l’ultimo bastione della difesa dei valori occidentali contro l’avanzata dei regimi totalitari asiatici – l’Ucraina di Zelensky.
Ma Cuba non è l’unico tema che comincia a presentare delle fratture anche all’interno stesso dell’asse del male dei paesi del Nord globale: spinti da una gigantesca mobilitazione popolare fatta di centinaia di migliaia di persone che, da due mesi, invadono piazze e strade di tutto il pianeta per esprimere la loro indignazione nei confronti del sostegno incondizionato dei loro governi allo sterminio dei bambini di Gaza, anche i paesi dell’Occidente collettivo hanno cominciato a manifestare qualche segno di insofferenza. Tutto sommato, come avevamo annunciato, era abbastanza prevedibile: mano a mano che il tempo passa, infatti, diventa sempre più difficile giustificare la carneficina con il miraggio irrealistico dell’annichilimento di Hamas; in due mesi di sterminio indiscriminato, Israele non sembra essere stato in grado di raggiungere un obiettivo militare che sia uno, ed è sempre più difficile dissimulare la natura meramente genocida dell’operazione militare. Il sostegno dell’Occidente collettivo ad Israele non ha fatto altro che compattare il Sud globale e avvicinare tutto il mondo islamico alle grandi potenze emergenti, accelerando il processo di isolamento delle ex potenze coloniali dal resto del mondo; come abbiamo raccontato in un altro video giusto 3 giorni fa, Putin è stato accolto negli Emirati e in Arabia Saudita come un vero imperatore, e delegazioni di paesi arabi e islamici continuano a recarsi a Pechino, riconoscendole il ruolo di unica grande superpotenza mondiale in grado, oggi, di operare attivamente per la pace e il ritorno della diplomazia, mentre USA e Unione Europea continuano a sfidare ogni senso del pudore continuando ad accusarla di islamofobia per violazioni – più o meno immaginarie – dei diritti umani nello Xinjiang.
Ed ecco, così, che quando martedì sera all’ONU è arrivato il momento della conta, gli USA si sono ritrovati letteralmente accerchiati; prima i due emendamenti presentati dagli USA stessi e dall’Austria sono stati brutalmente rimandati al mittente: insistevano affinché la risoluzione condannasse esplicitamente Hamas. Una sfumatura che nasconde tanta sostanza: accusare Hamas, infatti, è funzionale a descrivere l’operazione in corso invece che come uno sterminio deliberato con finalità genocide da parte delle forze di occupazione, al limite come un semplice eccesso nell’esercizio del diritto alla difesa. Ma la batosta più grande è arrivata al momento del voto della risoluzione: i 120 voti a favore di un mese e mezzo fa, sono diventati 153; in buona parte, sono defezioni che pesano, eccome. Gli USA perdono per strada il sostegno di paesi fondamentali per la loro strategia neocoloniale in Europa, dalla Polonia, ai paesi Baltici; perdono inoltre gli alleati fondamentali per la grande guerra dell’Asia – Pacifico: Australia, Giappone e Corea del Sud, e perdono pure l’unico presunto alleato vero che gli era rimasto nel Sud globale, e cioè l’India di Modi. Gli unici che continuano a vedere con simpatia lo sterminio sono l’Italia e la Germania.
Una batosta epocale che, finalmente, costringe Biden a cambiare un po’ passo: “Duro scontro Biden Netanyahu sulla guerra a Gaza” titola La Repubblichina; “Biden sconfessa Netanyahu” rilancia con un titolone a 4 colonne il Corriere della serva. Rilanciando la sua celebre massima secondo la quale “se non ci fosse stato Israele, ce lo saremmo dovuti inventare”, Biden ha invitato di nuovo l’alleato a non commettere “gli errori che abbiamo commesso noi dopo gli eventi dell’11 settembre” e lo ha messo in guardia: “Israele” ha sottolineato “può contare sul nostro sostegno e su quello dell’Europa e del mondo, ma ha cominciato a perderlo a causa di bombardamenti indiscriminati”. Per riconquistare il sostegno incondizionato dell’Occidente globale nei confronti dell’occupazione e della pulizia etnica, Biden ha annunciato di aver esortato il primo ministro israeliano a procedere con un rimpasto di governo: “L’attuale governo” sottolinea Biden “è il governo più conservatore della storia di Israele” e appoggiandolo incondizionatamente, continua, “ci sono paure reali in varie parti del mondo che l’America potrebbe vedere intaccata la sua autorità morale”; questo è bastato a scatenare da un lato le reazioni furibonde delle componenti più smaccatamente clericofasciste del governo Netanyahu e, dall’altro, l’entusiasmo nelle redazioni dei più moderati tra i sostenitori occidentali del genocidio, ma in realtà potrebbe essere più fuffa che altro. Il piano, infatti, sembra essere piuttosto chiaro: continuare la pulizia etnica – ma con un po’ più di tatto e di savoir faire -, nominare un governo di unità nazionale che “unisca di nuovo gli Israeliani” e rimettere sul tavolo la questione dei due stati ma, proprio come avveniva prima del 7 ottobre, semplicemente come arma di distrazione di massa per tenersi buoni gli alleati arabi che sono stati costretti a dimostrare un po’ di solidarietà nei confronti dei palestinesi per non farsi impalare dalle piazze ma che, in realtà, della causa palestinese – ovviamente – se ne strasbattono i coglioni.
Una svolta, quindi, più cosmetica che altro, ma anche le svolte cosmetiche segnalano sempre qualcosa di più profondo; e, in questo caso, segnalerebbero – appunto – le difficoltà degli USA, che sono per lo meno costretti ad ammorbidire i toni per cercare di mettere un argine all’emorragia di consensi che la loro leadership globale continua a subire, da Gaza all’Ucraina. La seconda notizia del momento, infatti, è il ritorno di Zelensky a Washington: come scrive SIMPLICIUS The Thinker sul suo profilo su Substack “Il Circo Zelensky arriva in città per un ultimo bis”, e anche qui siamo di fronte a un altro arretramento e a un altro tentativo di cambiare la narrativa. Il capo del consiglio per la sicurezza nazionale dell’Ucraina Alexey Danilov, intervistato dalla BBC, lo ammette piuttosto chiaramente: se fino a pochi mesi fa vittoria significava nientepopodimeno che riprendersi tutti i territori e pure la Crimea, oggi il semplice “fatto che abbiamo continuato a difendere il nostro paese per due anni è già una grossa vittoria”; insomma, chi s’accontenta gode. D’altronde oggi le priorità sono cambiate: oggi la priorità è evitare, da un lato, la bancarotta e dall’altro che Putin in primavera si possa riprendere Kharkiv e poi pure Odessa, ricongiungendosi così alla Transnistria e escludendo l’Ucraina dall’accesso al mare; sostanzialmente significherebbe costringere l’Ucraina a costruire e mantenere rapporti di buon vicinato con la Russia, dalla quale dipenderebbe per accedere al mare e, quindi, ai mercati internazionali, entrambe ipotesi che senza un sostanzioso nuovo pacchetto di aiuti da parte degli USA potrebbero rivelarsi drammaticamente realistiche. Per gli interessi strategici USA sarebbe un’altra sberla di dimensioni veramente epiche, motivo per cui, tendenzialmente, sono abbastanza convinto che – alla fine – una qualche soluzione la troveranno, ma al momento è tutt’altro che scontato. Dopo che il congresso, la settimana scorsa, ha negato l’approvazione del nuovo pacchetto da 60 miliardi di aiuti, Zelensky è corso a Washington per provare a convincere i repubblicani: come riporta sempre SIMPLICIUS, “Zelensky avrebbe garantito la volontà di mobilitare altri 500 mila cittadini ucraini. In sostanza gli sta dicendo che se gli danno altri soldi, si impegna a mandare nuova carne da macello al fronte per indebolire la Russia”, ma tra i trumpiani la promessa non sembra avere fatto molta breccia. “Zelensky è qui a Washington oggi per elemosinare i vostri soldi” scrive su Twitter la turbotrumpiana Marjorie Taylor Green “ e Washington guerrafondaia vuole dargli dollari americani illimitati. Quanti soldi spenderà Washington per massacrare un’intera generazione di giovani ucraini mentre Washington combatte la sua guerra per procura contro la Russia?”

Al posto di 60 miliardi, per ora Zelensky si è dovuto accontentare di 200 milioni; un po’ pochino: come ricorda Simplicius, il Kyev Indipendent nel settembre scorso titolava “La guerra contro la Russia costa all’Ucraina 100 milioni al giorno”.
Ma per gli USA c’è anche un terzo fronte che inizia vistosamente a scricchiolare: è quello delle alleanze dell’Asia – Pacifico per contenere la Cina; ne avevamo parlato un paio di settimane fa, quando i titoli dei giornali erano tutti concentrati sul bilaterale tra Xi e Biden nella location dove avevano girato Dynasty a San Francisco, e si erano dimenticati di raccontare cosa stava succedendo attorno. Quello che stava succedendo era la riunione annuale dell’APEC, durante la quale i partner asiatici degli USA si aspettavano di portare a casa la firma definitiva dell’IPEF – l’Indo Pacific Economic Framework – l’accordo commerciale che avrebbe dovuto garantire un bel flusso di investimenti in dollari nell’area e che, però, è malamente naufragato: a opporsi all’IPEF, infatti, erano stati la sinistra democratica e i sindacati – che uno dice: e da quando mai i sindacati e la sinistra democratica contano qualcosa negli USA? Beh, semplice: da quando Biden, mentre veniva preso a sberle dai russi in Ucraina, ha realizzato che quel poco di industria che era rimasta ancora negli USA non era sufficiente per fare la guerra contro una grande potenza. Soluzione? Make america great again: una quantità spropositata di incentivi pubblici per reindustrializzare gli Stati Uniti che, però, potrebbe essere più semplice da dire che da fare, e non solo perché significa aumentare deficit e debito pubblico a dismisura proprio mentre sempre più paesi in giro per il mondo – dopo che hanno visto che fine fanno le riserve in dollari non appena fai qualcosa che non piace a Washington – di comprarsi tutto sto debito non è ce n’abbiano poi tantissima voglia; c’è un problema ancora più profondo. Quando gli USA, infatti, tra delocalizzazioni e finanziarizzazione hanno deciso di devastare la loro capacità produttiva, non l’hanno fatto per capriccio; sono stati costretti. Dopo decenni di stato sviluppista e di politiche keynesiane, infatti, i lavoratori avevano accumulato così tanto potere da mettere seriamente a rischio la gerarchia sociale su cui si fonda il capitalismo, dove io che c’ho il capitale so io, e te non sei un cazzo.
Come scriveva Huntigton nella celebre relazione commissionata nel 1973 dalla commissione trilaterale – e che poi in Italia venne tradotta con tanto di introduzione del compagno Gianni Agnelli – negli USA ormai c’era un eccesso di democrazia che metteva a repentaglio il dominio dei capitalisti; bisognava dare una bella sforbiciata alla democrazia e, per farlo, la cosa migliore era massacrare il mondo del lavoro, che è dove la democrazia nasce e acquista potere: le delocalizzazioni e la finanziarizzazione sono stati gli strumenti che hanno permesso, appunto, di massacrare il mondo del lavoro – e quindi l’eccesso di democrazia che stava turbando i sonni degli onesti multimiliardari. E per 50 anni ha funzionato benissimo: i capitalisti hanno fatto una montagna di quattrini spropositata e gli USA, da una vivace democrazia, si sono trasformati in un’oligarchia; peccato, però, che a guadagnarci non siano stati solo i capitalisti occidentali, ma anche gli stati sovrani del Sud del mondo che si sono sviluppati e ora minacciano il dominio USA.
Ecco quindi che gli USA tornano a investire nella loro industria, ma il problema che 50 anni fa li ha spinti a devastare il tessuto produttivo mica è stato risolto: è sempre lì, ed è bastato tornare a investire nell’economia reale che s’è già fatto sentire, eccome. I lavoratori dell’automotive, negli ultimi mesi, hanno condotto una battaglia epocale che li ha portati a strappare aumenti salariali e miglioramenti delle condizioni di lavoro senza precedenti, e potrebbe essere soltanto l’inizio: “L’inaspettata rinascita dei sindacati americani” titolava ieri un allarmatissimo Financial Times; “Secondo un’analisi di Bloomberg” riporta l’articolo “più di 485.000 lavoratori statunitensi hanno partecipato a 317 scioperi nel 2023, più di qualsiasi altro momento negli ultimi due decenni”. Sono gli stessi sindacati che all’APEC hanno impedito agli USA di rafforzare la loro egemonia nel Sudest asiatico sulla pelle dei lavoratori americani a suon di investimenti per continuare i processo di delocalizzazione e un bel mercato per le loro merci a basso prezzo. Il risultato? Questo: Xi Jinping che viene accolto in pompa magna in Vietnam, appena due settimane dopo l’APEC di San Francisco, per annunciare – come riporta Global Times – “una nuova fase di maggiore fiducia politica reciproca, cooperazione in materia di sicurezza più solida, cooperazione più profonda e reciprocamente vantaggiosa, sostegno popolare più forte, coordinamento multilaterale più stretto e migliore gestione delle differenze”.
Giorno dopo giorno, con una rapidità impensabile fino anche solo a un paio di anni fa, ogni evento di una certa rilevanza sullo scacchiere globale sta lì a certificare che gli USA – al di là di sostenere qualche genocidio in Medio Oriente o lo sterminio di qualche decina di migliaia di soldati in qualche stato fantoccio utilizzato per guerre per procura di ogni genere – oggettivamente non sembrano avere più gli strumenti materiali per continuare a sostenere il dominio sul mondo delle proprie oligarchie; l’unica fortuna che gli rimane è che negli stati vassalli continua a sopravvivere una classe dirigente di scappati di casa che sembrano completamente incapaci anche solo di comprendere cosa gli sta succedendo attorno. Di fronte ai millemila eventi epocali degli ultimi giorni, le prime pagine dei giornali filo – governativi ieri sembravano una parodia: “Case occupate, è svolta” titolava Il Giornale; “Meloni antifascista” rispondeva Libero; “La Meloni in Aula fa a pezzi sinistra e Conte” rilanciava La Verità: da nessuna parte né un titolo sull’impasse israeliana, né uno sulla débâcle di Zelensky, né uno sul Vietnam. Niente. Solo ed esclusivamente armi di distrazione di massa per un popolo di bottegai che si crogiola beato nel suo declino, mentre al senato il principale partito di governo organizza un convegno che sembra una messinscena di Borat: “I vantaggi di un mondo post – Russia” si intitolava.

Giuliomaria Terzi di Sant’Agata

A organizzarlo, l’ex ambasciatore italiano in Israele e Stati Uniti, nonché ministro degli esteri di uno dei peggiori governi in assoluto della storia repubblicana: Giuliomaria Terzi di Sant’Agata, erede del nobile casato lombardo dei Terzi, simbolo eccellente di un paese precipitato di nuovo nell’oscurantismo feudale dove la classe dirigente è così scollegata dalla realtà da impiegare il suo tempo per chiedersi “Cosa succederà quando la Russia non sarà più una federazione ma sarà spaccata in 25 piccoli stati autonomi?
Mai come oggi lo possiamo dire con chiarezza: altro che there is no alternative, altro che il grande disegno del capitale che ha sconfitto i lavoratori ed è destinato a dominare incontrastato in eterno: qui siamo di fronte a degli scappati di casa alla canna del gas. E’ arrivata l’ora di rialzare la testa e di mandarli a casa, dal primo all’ultimo: per farlo, abbiamo bisogno di prima di tutto di un vero e proprio media che sia in grado, giorno dopo giorno, di smascherare le buffonate che ci vorrebbero spacciare al posto dell’informazione. Aiutaci a costruirlo: aderisci alla campagna di sottoscrizione di Ottolina Tv su GoFundMe e su PayPal.

E chi non aderisce è Giuliomaria Terzi di Sant’Agata

Incontro a Pechino: l’Unione Europea minaccia di sanzionare la Cina, ma con che legittimità?

“Abbiamo identificato un elenco di aziende sospettate di svolgere un ruolo nell’elusione delle nostre sanzioni”, ha detto Charles Michel, Presidente del consiglio europeo, ai giornalisti dopo i colloqui con Xi Jinping a Pechino, in occasione del vertice Cina-UE. Il riferimento è a 13 aziende con sede in Cina sono nel mirino dell’UE mentre il blocco cerca di rafforzare le fughe di beni a duplice uso esportati in Russia, che secondo Kiev e i suoi alleati occidentali stanno consentendo la guerra di aggressione contro l’Ucraina. Il comunicato cinese diffuso dai media statali non fa menzione di nessuna risposta di Xi Jinping su questo tema, e nel corso degli ultimi due anni la Cina si è opposta alle sanzioni unilaterali di Europa e Stati Uniti. A giugno l’ambasciatore cinese presso l’Unione Europea ha dichiarato che “gli strumenti per risolvere questo problema sono ancora tutti da definire, e il governo cinese non ha preso alcun impegno a riguardo”. Quindi? Ne parliamo in questo video!

IL CALENDARIO DELL’AVVENTO DELLA POST – VERITA’ Un anno di previsioni mainstream – pt. 1: GENNAIO

4 gennaio 2023, Il Giornale: “Russi in crisi, caos nell’esercito”;
6 gennaio, La Repubblichina: “Putin chiede il cessate il fuoco perché sta perdendo”;
25 gennaio, Il Giornale: “Arrivano i tank, la guerra è a una svolta”;
26 gennaio, La Repubblichina: “Ora l’esercito russo potrebbe sgretolarsi” e “Pechino scarica Mosca”.
Tra debacle ucraina, crisi economica e – per chiudere in bellezza l’anno – lo show in mondovisione della natura genocida della cosiddetta unica democrazia dell’Occidente, per la propaganda suprematista il 2023 è stato un anno decisamente complicato. In vista delle festività natalizie, allora, Ottolina Tv ha deciso di fare un suo personalissimo calendario dell’avvento dove a ogni casellina corrisponderà un video dedicato alle vaccate più incredibili apparse sui principali quotidiani italiani in un determinato mese e, alla fine, invece che la nascita di Cristo si festeggerà la nascita della Nuova Era della Post – Verità: tenetevi forte perché quelle che apparivano chiaramente come puttanate anche lì per lì, ma contro le quali – per prudenza, a suo tempo – abbiamo deciso di non inveire con troppa ferocia, concedendo il beneficio del dubbio, a un anno di distanza assumono chiaramente le sembianze di caricature satiriche esilaranti. Buon avvento a tutti!
Il 2023, in realtà, non si è aperto all’insegna delle magnifiche sorti e progressive della gloriosa guerra per procura dell’Occidente globale contro la Russia in Ucraina. La psyop suprematista che ha inaugurato l’anno della Post – Verità era talmente sconclusionata che l’abbiamo immediatamente rimossa; in ballo c’era la fine delle rigide misure zero covid in Cina che, secondo i nostri sempre obiettivi ed equilibrati media, avrebbe necessariamente causato milioni di morti e riportato il dragone al Medioevo, dal quale – peraltro – ovviamente non era mai completamente uscito. Nonostante la Cina minacci il Mondo Libero, i valori fondamentali di giustizia e di fratellanza che caratterizzano l’Occidente collettivo ci avevano spinto ad offrire al barbaro regime di Xi Jinping una via d’uscita sicura dalla catastrofe: una montagna di vaccini Pfizer a gratis. Ma Xi Jinping – che, come sempre, aveva messo davanti il suo culto per la personalità al benessere del suo popolo – ci aveva rimbalzato: “Il no di Pechino ai vaccini occidentali” titolava Il Giornale; “Xi sacrifica il popolo per salvare la faccia”. “Aprire a Bruxelles” scrive Gian sinofobia portami via Micalessin “significherebbe riconoscere il flop della cura cinese e il disastro della politica covid – zero”.

Il virus SARS-CoV-2

Ovviamente oggi sappiamo che quell’offerta, più che con la generosità della civiltà dell’uomo bianco e “la superiorità scientifica degli USA” – come sottolineava il Giornale – aveva a che fare col fatto che, per due anni, tutto l’Occidente ha lasciato che a dettare la sua politica sanitaria fosse una spregiudicata multinazionale come Pfizer, che ha registrato per due anni profitti record vendendoci una quantità spropositata di vaccini dei quali non sapevamo assolutamente cosa fare; e anche l’annunciato disastro della politica covid – zero che, secondo la propaganda, non aveva fatto altro che rinviare l’appuntamento con la pandemia aggravandolo – dopo aver imposto per due anni inutili misure draconiane a un popolo sostanzialmente schiavizzato – non si è rivelato esattamente conforme alle previsioni: secondo i numeri di Our World in Data aggiornati al 2 dicembre, la Cina – in tutto – avrebbe registrato appena 85 morti ogni milione di abitanti, contro una media di oltre 2700 nell’Unione europea e i circa 3400 degli USA e della Gran Bretagna, ovviamente distribuiti in modo incredibilmente diseguale tra le diverse classi sociali all’interno dei singoli paesi. Il fallimento della politica covid – zero cinese, quindi, sarebbe consistito nel salvare la vita a circa 4,5 milioni di lavoratori mentre, nel frattempo, il prodotto interno lordo cresceva di poco meno del 25%; quello dell’eurozona sarebbe cresciuto dello 0,1%. Un po’ diverso dalle previsioni che Angelo Panebianco, mosso da disinteressato senso civico, aveva deciso di condividere con il pubblico dalle pagine del Corriere della serva quel fatidico 4 gennaio: “è al tempo stesso spaventoso e rassicurante” scriveva “il clamoroso fallimento cinese nella gestione della pandemia. E’ spaventoso” argomentava “per le conseguenze sanitarie: quel fallimento sta facendo ammalare milioni di cinesi e mette tutto il resto del mondo a rischio di una nuova ondata pandemica”. Ma allo stesso tempo – ci risollevava il morale l’umanissimo Panebianco – “è rassicurante per due motivi. Il primo” continuava “è di carattere geopolitico. I teorici dell’inevitabile tramonto dell’Occidente forse si sbagliano”. D’altronde – spiega lucidissimo l’Angelone nazionale – “l’autocrazia ha un prezzo: il prezzo di una rigidità che impedisce ai governanti di fronteggiare sfide impreviste con pragmatismo e capacità di correggere gli errori”. Giuro, scriveva proprio così: la Cina è destinata a fallire perché non è pragmatica. Ma non è tutto; c’è anche un altro motivo per festeggiare perché – scrive con sprezzo per il pericolo Angelo Panesuprematistabianco – “il fallimento cinese dimostra urbi et orbi la superiorità delle società aperte e democratiche rispetto alle autocrazie. Una superiorità molto concreta,” sottolinea “non astratta e ideologica. Il confronto sui risultati concreti è impietoso”.
Insomma, l’anno zero dell’era del ribaltamento radicale della realtà iniziava alla grande, e non solo per questo delirio anti – cinese; sempre il 4 gennaio, infatti, Il Giornale titolava così: “Russi in crisi, caos nell’esercito”, e con l’immancabile Ian ndocojocojo Bremmer che rilanciava dalle pagine de La Stampa: “Mosca non riesce a fermare gli ucraini”. Secondo Bremmer, Putin – ormai – era già nel panico e a un passo da “arrivare a utilizzare tecniche terroristiche” ed era solo l’inizio, perché “con l’arrivo dei sistemi di difesa Patriot” a breve “la capacità russa di rispondere alle controffensive sarà limitata” e quindi, nell’arco di poco, c’era da aspettarsi di poter assistere a qualche grande successo ucraino, addirittura “nell’arco delle prossime settimane”. Ancora aspettiamo.
2 giorni dopo arriva l’ora del Natale ortodosso; Putin, cogliendo l’appello del patriarca Kirill, avanza l’idea di una tregua, e sapete perché? Ma “perché sta perdendo”, ovvio: così titola la sua intervista su la Repubblichina Paolo Mastrolilli, probabilmente – in assoluto – uno dei giornalisti più divertenti viventi. Per l’occasione, Mastrolillo & Greg ha avuto l’intuizione di farci spiegare come funziona il mondo dall’ex comandante della NATO, marchio di garanzia di equilibrio e ricerca spassionata della verità: “Quindi la proposta di Putin è un segnale di debolezza?” chiede Mastrolillo & Greg con quel tono inquisitorio da vero giornalista d’inchiesta di razza; “Assolutamente” risponde Clark “non ci sono dubbi. È chiaro che il Cremlino ha preso l’iniziativa perché è in difficoltà. Ciò segnala solo la sua debolezza, tanto sul fronte ucraino, quanto su quello interno”. Due pagine dopo, a rincarare la dose ci pensa il migliore amico del nostro Francesco Dall’Aglio, il grandissimo esperto di armi e di guerra Gianluca di Feo, che ci mette in guardia: “I timori delle cancellerie” titola. “Dopo le nuove offensive la Russia si sgretolerà”; “Nelle cancellerie del pianeta” ci svela Di Feo “c’è la sensazione che sia scattato un conto alla rovescia”. D’altronde, basta guardare le simulazioni: alcune, un po’ pessimistiche, dicono che ci sarà uno stallo ma il grosso – rivela Di Feo entusiasta – ci anticipano che “sarà Mosca a uscirne peggio, subendo una distruzione di quel che resta del suo potenziale bellico”. A quel punto, però, bisognerà fare attenzione perché “l’avanzata ucraina” sottolinea Di Feo “rischia di far crollare Putin aprendo un’era di instabilità”; da lì in poi, questo sarà uno dei grandi cavalli di battaglia della propaganda suprematista: ormai Putin è finito, però attenzione a menarlo troppo forte perché prima bisogna capire bene come garantire alla Russia una transizione dolce. Un concetto che, il giorno dopo, viene rilanciato da Viviana Mazza sul Corriere della serva: per non correre il rischio di essere accusata di privilegiare interlocutori non esattamente imparziali, come l’ex capo supremo della NATO Clark, la brillantissima Viviana decide di interpellare nientepopodimeno che Anne Applebaum, già premio Pulitzer nel 2004 grazie a Gulag, un originalissimo e coraggiosissimo lavoro di propaganda antisovietica in un periodo in cui erano diventati antisovietici anche i sovietici stessi. Anne, nell’intervista, ammette che a un certo punto, nella primavera scorsa, si era anche quasi rassegnata all’idea che, per chiudere la partita, l’Ucraina dovesse sì – ovviamente – riconquistare tutti i territori perduti a partire dall’invasione, ma magari, per il momento, rinunciare alla Crimea e anche a umiliare Putin obbligandolo a presentarsi davanti a una qualche corte internazionale. Ma, di fronte a tutti questi incredibili successi sul campo dell’Ucraina, “Vittoria per Kiev ormai non significa solo recuperare territori, ma anche ottenere risarcimenti economici e giustizia per i crimini di guerra”: ovviamente questo significa necessariamente “mettere fine al regime di Putin” e questo, però, “in assenza di meccanismi chiari di successione, comporta opportunità, ma anche rischi”. Che Putin ormai stia con le pezze al culo è così eclatante che – come il giorno dopo svela Marco Imarisio sul Corriere della serva – “oltre ai trecentomila coscritti richiamati alle armi lo scorso ottobre se ne aggiungeranno presto molti altri, tra cinquecentomila e un milione”. Ma che dico un milione… un miliardo! Ma che dico un miliardo… un fantastilione di milioni di triliardi!
In mezzo a questa disfatta, però, fortunatamente c’è anche chi trova il tempo per riflessioni più profonde, che vanno oltre gli aridi numeri della cronaca e aprono uno squarcio negli abissi dello spirito umano; a questo giro tocca a Carlo Nicolato, brillante vice caporedattore di Libero. Ad ispirarlo è questa foto:

Vladimir Putin

“Guardate il suo sguardo,” sottolinea Nicolato “il destino segnato in quelle pupille appuntite perse nel nulla”; è un attento osservatore Nicolato, un profondo pissicologo, ma anche un discreto esperto di politica internazionale che ci ricorda come Putin non sia semplicemente ormai “solo e isolato in patria”, come svelano le sue pupille, ma anche “nel mondo, perché anche i suoi alleati lo stanno abbandonando o lo hanno già abbandonato”. L’unica cosa che ancora “resta da capire” – riflette Nicolato – è “se la guerra la perderà sul campo di battaglia, o sul tavolo delle trattative. Resta da capire” cioè, continua Nicolato, “fino a che livello vorrà scendere negli abissi della ignominia e dell’umiliazione”; “ma la sua fine” conclude Nicolato “è già lì in quello sguardo, in quella postura sconfitta in un angolo di una chiesa”. Raga’, questo non è solo grande giornalismo: questa è grande letteratura. A confermare che Putin è stato definitivamente mollato da tutti gli alleati, due giorni dopo ci pensa di nuovo Il Giornale: “Pechino scarica mosca”, titolano. Nella settimana successiva, però, tutta questa ondata crescente di entusiasmo subisce una piccola battuta d’arresto e a la questione ucraina sostanzialmente sparisce dalle pagine della stampa di regime, ma quando una settimana dopo comincia a riapparire, lo fa in grande style: “Kyev, ti armo da impazzire” titola Il Foglio il 18 gennaio; in ballo c’è la fornitura di nuovi carri armati all’ultima moda all’Ucraina che, scrive il Foglio, permetterebbero di “passare dalla resistenza alle forze russe all’espulsione delle forze russe dal territorio ucraino”. E’ solo l’ultima gocciolina di un vaso che trabocca di successi incredibili per l’Occidente collettivo, anche se l’onnipresenza della propaganda putiniana prova, in ogni modo, a screditarli; ed ecco allora che Il Foglio ci propone la sua AGENDA ANTI – CATASTROFISMO. “Le sanzioni?” si chiede retoricamente il Foglio: “Funzionano. L’economia russa? Crolla. Il prezzo del gas? Cala. I consumi? Non si fermano. L’inflazione? Rallenta.” Ma per quanto sia spinto, il premio di titolo della giornata il 21 gennaio per me rimarrà sempre al Giornale: “Altro che democratici” scrive; “sono sempre i soliti comunisti”. Sapete di chi stava parlando? Di Bonaccini. Giuro: manco della Schlein o di Zingaretti, che ovviamente fa ride’; di Stefano Bonaccini, che è un po’ come dare a Berlusconi del bacchettone o a Gasparri dell’intelligente. Comunque al Giornale non sono da premiare solo i titolisti, eh? Per apprezzare in pieno il talento, gli articoli li devi pure leggere; questo, ad esempio, firmato Martina Piumatti (che non sapevo chi fosse ma, ora che l’ho scoperta, non me la lascerò sfuggire più). L’altro giorno, riguardo ad Hamas, ha tirato fuori questa perla: “Godono per i civili morti” ha scritto. Martina però è preoccupata: “non si può più dire niente” scrive “come funziona la dittatura del politically correct”. Ha ragione. Di questo passo non si potrà dire neanche più che i neri hanno il ritmo nel sangue, però – fortunatamente – si potrà continuare a fare un titolo così. “Putin perde consenso. Il collasso della Russia sarà senza precedenti”; ad essere intervistato è Vladimir Milov, che non ha dubbi: “Nessun tentativo dello zar di contrastare le sanzioni” afferma “salverà la Russia da un collasso economico senza precedenti”. La gente lo sa, e infatti il sostegno per Putin di cui parliamo in Occidente, in realtà, è tutta fuffa: “I sondaggi che lo danno oltre il 70%” afferma infatti Milov “nascondono una realtà molto più complessa. Chi è contro” – svela – “non lo dice perché teme per la propria incolumità”. Ma ora che Putin, innegabilmente, sostanzialmente è finito – gli chiede la Piumatti – chi lo sostituirà? Prigozhin? Kadyrov? Macché, dice Milov: “Prigozhin e Kadyrov non hanno nessuna chance. La loro importanza è gonfiata dai media. Nel futuro della Russia è Navalny che può avere un ruolo”. Firmato Vladimir Milov, numero due del partito di Navalny; l’ultimo sondaggio sulla popolarità di Navalny lo dava abbondantemente sotto al 10%: è un po’ come quando Matteo Renzi parla a nome degli italiani, diciamo.
D’altronde, però, si sa: perdere una guerra cambia rapidamente tutto e Putin è incredibilmente vicino a perderla; lo ribadisce il solito Mastrolillo & Greg sulla Repubblichina il 25 gennaio, tramite un’intervista all’affidabilissimo falco neocon Kurt Volcker. “La fornitura dei carri armati” afferma Volcker “può diventare la svolta che metterà Kiev in condizione di vincere la guerra”. Il giorno dopo, sempre su La Repubblichina, è il turno dell’ex capo della CIA David Petraeus che, ultimamente, ha bazzicato parecchio l’Italia perché è un alto dirigente del fondo speculativo KKR e doveva convincere il governo a lasciargli comprare una delle infrastrutture più strategiche del paese – la rete delle telecomunicazioni – e, per farlo, ha puntato tutto sulla credibilità: “Ora l’esercito russo potrebbe sgretolarsi”, ha affermato; “Esiste la possibilità dello sgretolamento o addirittura del collasso delle unità russe”. Insomma: la nostra rete di telecomunicazioni è in ottime mani, direi.

Merchandising bello bello

Tra le cose che stavano per mettere nei guai Putin, il fatto che ormai aveva finito i missili. Due giorni dopo,
Corriere: “Ucraina, tempesta di missili”. Potremmo andare avanti per giorni; ci fermiamo qui per pietà di patria. Ci rivediamo presto con un’altra puntata del nostro calendario dell’avvento dell’era della Post – Verità. Per tutti quelli che, invece, sono eretici di fronte a questa montagna di monnezza, è arrivato il momento di unire le forze e costruire davvero un vero e proprio media che, invece che ai deliri della propaganda suprematista, dia voce al 99%; per farlo – anche di fronte alla censura democratica delle piattaforme che, come ovvio e prevedibile, ci stanno segando le gambe – abbiamo sempre più bisogno del tuo aiuto: aderisci alla campagna di sottoscrizione di Ottolina Tv su GoFundMe e su PayPal.
E siccome insieme alla natività dell’era della Post – Verità si avvicina anche quella del Bambingesù, se sei in vena di regali visita il nostro sito e accàttati un po’ di merchandising bello bello!

E chi non aderisce è Paolo Mastrolillo & Greg

Il naufragio della strategia di Biden sull’Indo-pacifico?

Joe Biden interrompe il piano per l’accordo commerciale indo-pacifico dopo l’opposizione dei democratici – Financial Times: https://www.ft.com/content/d124ee69-d… I fallimenti di Joe Biden sul fronte commerciale avvantaggiano la Cina – Economist: https://www.economist.com/finance-and… All’interno del ritardo di Biden sull’accordo commerciale indo-pacifico

Axios: https://www.axios.com/2023/11/14/bide…

Xi Jinping e Biden: apocalisse rimandata?

Questa settimana c’è stato l’incontro tra Biden e Xi Jinping. La Cina ha accettato di condurre politiche anti droga congiuntamente agli Stati Uniti e di riattivare il dialogo militare ad alti livelli con Washington, entrambe richieste statunitensi. Ma alla richiesta cinese di allentare la guerra commerciale e tecnologica che dai tempi di Trump gli Stati Uniti hanno lanciato contro la Cina e che con Biden si è intensificata, a questa richiesta gli Stati Uniti per il momento hanno risposto di no… ma è davvero difficile credere che la Cina abbia fatto concessioni gratuite agli Stati Uniti senza ottenere nulla in cambio. In attesa di saperne di più sugli accordi dietro le quinte, per il momento non possiamo fare altro che limitarci solo a ciò che sappiamo, cioè alle letture ufficiali dell’incontro e ai discorsi che sono stati fatti pubblicamente!

[LIVE OTTOVOLANTE] Sarà riuscito Xi Dada a far capire a Sleepy Joe che si stanno suicidando?

Live del 16/11/2023 ore 21 – La visita di Xi a San Francisco, come prevedibile, non ha partorito niente di particolarmente succulento e -allo stesso tempo – è stata epocale. In questa chiacchierata proviamo a spiegare perché con Lorenzo Battisti, Giambattista Cadoppi, Alberto Gabriele e Francesco Maringiò.

SOROS e la CINA: una storia d’amore fallita

Da una parte George Soros, imprenditore, filantropo e banchiere per professione ma uomo più odiato del mondo per vocazione, e dall’altra parte Xi Jinping, per professione presidente della Cina e per vocazione l’uomo più odiato da Soros. Tra i due una storia d’amore non potrebbe mai scoppiare, ma ci fu un tempo in cui tra la Cina e Soros si respirava l’aria di una storia romantica, ma a dire che quel matrimonio non s’aveva da fare ci sarà anche Xi Zhongxun, cioè il padre di Xi Jinping. Questo video è la storia del fallimento di quell’avventura romantica, e di come, dal corteggiamento, si sia passati all’odio reciproco.

Nuova Via della Seta: successo o fallimento?

La Nuova Via della Seta è presentata da Pechino come un avanzamento nel processo della globalizzazione. “La globalizzazione non può essere arrestata, ma deve essere aggiustata, nella forma e nella sostanza”, scrive Pechino nel Libro Bianco sulla Nuova Via della Seta. Ma questa iniziativa cinese è davvero una “aggiusta globalizzazione”, o è solo l’inizio di una globalizzazione a guida cinese che alla fine dei finali sarà del tutto identica alla globalizzazione a guida americana? Ne parliamo in questo video!

Nazioni Unite: l’umiliazione di Biden e Zelensky e l’inarrestabile ascesa del Sud Globale

La sintesi dei primi due giorni dell’annuale assemblea generale delle Nazioni Unite, sta tutta qui. Come sottolineava giustamente il Global Times alla vigilia dell’incontro: “Questo è l’anno dove finalmente a dettare l’agenda saranno i paesi del Sud Globale”. Un esito scontato.

Dall’ampliamento della Shanghai Cooperation Organization, al più che raddoppio dei BRICS, per finire con il G77 della scorsa settimana all’Havana, il sud del mondo ha deciso di spingere sull’acceleratore.

Ne ha dovuto prendere atto anche Joe Biden, unico leader dei membri permanenti del consiglio di sicurezza ad aver deciso di partecipare in prima persona all’evento ma che, a quanto pare, ha commesso qualche errore.

Di fronte a una platea che chiedeva impegni chiari per rilanciare il raggiungimento dei diciassette obiettivi di sviluppo sostenibile adottati dall’assemblea ormai otto anni fa, Biden ha provato a fare il gioco delle tre carte.

Ha rivendicato la fine della morsa della fame per centinaia di milioni di disgraziati in tutto il mondo, pensando forse di avere di fronte un popolo di semianalfabeti come quelli che sta provando a convincere a rieleggerlo in patria fra qualche mese.

Purtroppo per lui, però, la platea sapeva benissimo di cosa stava parlando: se oggi nel mondo ci sono meno affamati di dieci anni fa, lo si deve solo ed esclusivamente alla Cina, che Biden vorrebbe cancellare dal pianeta.

Ma Biden non si è accontentato di questa ennesima figuretta.

Come fa sistematicamente da due anni a questa parte, ha cercato di trasformare l’ennesima occasione per affrontare i problemi che affliggono la stragrande maggioranza della popolazione mondiale nell’ennesimo palcoscenico per il solita vecchio remake hollywoodiano della guerra in Ucraina come scontro tra il bene e il male.

Ma come sottolinea giustamente sempre il Global Times: “Le infinite chiacchiere sulla guerra e le minacce palesi e nascoste rivolte ad altri paesi, costringendoli a schierarsi, sono l’ultima cosa che questi paesi vogliono sentire”.

Per averne la prova è bastato aspettare l’intervento in aula di Zelensky; più si affannava, e più la sala si svuotava. Ma com’è possibile che l’unica superpotenza del pianeta sia stata umiliata pure a casa sua?

25 settembre 2015

Dopo nove mesi di negoziati, tutti i centonovantatré membri dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottano all’unanimità la risoluzione intitolata “Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile”; un programma estremamente ambizioso, e iperdettagliato: 91 paragrafi, 17 obiettivi, 169 target.

Una roadmap per una redistribuzione della ricchezza su scala globale in senso radicalmente più egualitario, e per affrontare tutti insieme felicemente le principali sfide che affliggono l’umanità tutta, e che a otto anni di distanza si è dimostrata essere esattamente quello che i più scettici sostenevano sin dall’inizio: fuffa allo stato puro.

Una foglia di fico per continuare a coprire il sempre più drastico furto che un manipolo di paesi sviluppati, e le loro ristrettissime oligarchie, opera a danno del resto del pianeta.

Come ha sottolineato Lula: “I dieci miliardari più ricchi del pianeta detengono più ricchezza del 40% più povero dell’umanità”. Sette di loro, per capirci, hanno passaporto a stelle e strisce. “L’azione collettiva più ampia e ambiziosa delle Nazioni Unite mirata allo sviluppo – l’Agenda 2030 –”, ha tuonato Lula dal palco, “potrebbe trasformarsi nel suo più grande fallimento”. “Abbiamo raggiunto la metà del periodo di attuazione e siamo ancora lontani dagli obiettivi definiti”.

Ma questa è solo una parte della storia: due anni prima, infatti, durante una visita in Kazakistan, nella più totale disattenzione da parte del circo mediatico occidentale, Xi Jinping annunciava l’intenzione di avviare un gigantesco progetto per la costruzione di infrastrutture di trasporto e di comunicazione nel cuore del supercontinente eurasiatico; come ricorda l’Economist: “Un annuncio che venne recepito in occidente con ‘indifferenza e perplessità'”.

Il mese dopo Xi ci ribadisce, e se dal Kazakistan aveva parlato fondamentalmente di strade e ferrovie, dall’Indonesia a questo giro si concentra su porti e corridoi marittimi, ma anche a questo giro, nel centro dell’impero, politici e propagandisti continuano a fare orecchie da mercanti.

Dieci anni dopo, quel progetto accolto con indifferenza e perplessità ha portato a casa la bellezza di 3.100 progetti in 150 paesi diversi per una cifra complessiva che si aggira attorno ai mille miliardi di dollari. Tutti messi nell’economia reale.

Come dichiarò il presidente dell’Asian Infrastructure Investment Bank nel 2016 durante la cerimonia di inaugurazione del suo istituto: “L’esperienza cinese dimostra che gli investimenti nelle infrastrutture aprono la strada a uno sviluppo economico-sociale su vasta scala e che la riduzione della povertà è una conseguenza naturale di ciò”.

Infatti, secondo le stime cinesi, la Belt and Road ad oggi non solo avrebbe creato direttamente quasi mezzo milioni di posti di lavoro, ma soprattutto avrebbe generato una ricchezza che ha permesso di elevare sopra la soglia della povertà assoluta la bellezza di quaranta milioni di esseri umani. Ed è solo l’inizio.

Dopo un relativo rallentamento delle cifre impiegate a partire dalla fine del decennio scorso e durante tutta l’emergenza pandemica, nella prima metà di quest’anno abbiamo assistito a una vistosa ripresa: oltre 43 miliardi di investimenti, contro i 35 dello stesso periodo l’anno scorso.

Ma non solo: l’approccio cinese sta cambiando alla radice l’approccio anche del resto del pianeta al tema degli aiuti allo sviluppo. Prima dell’arrivo dei cinesi, infatti, gli unici aiuti allo sviluppo che dal Nord Globale raggiungevano il sud del mondo erano una presa in giro.

In sostanza: si riempivano di quattrini le élite corrotte e conniventi di questi paesi in cambio di riforme di chiaro stampo neoliberale, che ovviamente non facevano che aumentare la dipendenza economica nei confronti dei paesi sviluppati, e impedivano così ogni alla radice ogni reale miglioramento della propria capacità produttiva.

Man mano che gli effetti benefici delle infrastrutture lungo la nuova Via della Seta cominciavano a svelarsi, i popoli del sud del mondo hanno cominciato a realizzare che un’alternativa c’è, hanno cominciato a chiedere a gran voce di perseguirla, e quando le élite non si sono adeguate perché una bella villa di sottobanco a Londra è meno impegnativa che ricostruire le precondizioni per lo sviluppo, hanno cominciato a cacciarle a suon di golpe patriottici come quelli a cui abbiamo assistito nel Sahel negli ultimi tempi.

Così, oggi, i tromboni del Nord Globale, se non vogliono perdere completamente ogni possibilità di influenza su questi paesi, sono costretti ad offrire qualcosa di simile a quello che offrono i cinesi. Di conseguenza, laddove si è imposta in un modo o nell’altro una classe dirigente minimamente autonoma, oggi può fare leva sulla competizione tra cinesi e resto del mondo per strappare l’offerta migliore. Si può, dunque, probabilmente per la prima volta nella storia, permettere di dire anche dei bei “no.

Ove mai le élite continuino a dire solo dei “” che magari gli garantirebbero di arricchirsi, o anche solo di rimanere al potere, ma senza migliorare minimamente le condizioni di vita della popolazione, rischierebbero grosso, perché da questo punto di vista il famoso adagio thatcheriano secondo il quale “there is no alternative”, non vale più. Oggi l’alternativa c’è e come, già solo questa è una svolta epocale.

Ovviamente l’Occidente collettivo fa fatica ad adeguarsi, e continua a sperare di rimpiazzare aiuti concreti allo sviluppo con un po’ di fuffa, facendo leva sulla potenza di fuoco della sua macchina propagandistica; un po’ come è successo al G20 con l’IMEC, l’India-Middle East-Europe Economic Corridor, che si è conquistato i titoloni di stampa e tg in tutto il Nord Globale come l’alternativa occidentale e democratica alla Via della Seta cinese, ma che l’occidente non è assolutamente in grado di portare a termine.

Come scrive, giustamente, l’ex ambasciatore indiano in Turchia Bhadrakumar, infatti: “L’unico modo per trasformare il sogno dell’IMEC in realtà è renderlo al contrario un progetto di connettività regionale inclusivo, e permettere che la Cina ne faccia parte. Questo però”, conclude sarcasticamente Bhadrakumar, “comporterebbe assumere che l’IMEC sia qualcosa di diverso da una semplice operazione propagandistica USA il cui unico obiettivo è permettere a Biden di presentarsi alle prossime elezioni con almeno una storia di successo nella sua altrimenti catastrofica politica estera”.

Ma il contributo che la Cina e la Via della Seta hanno già dato alla faticosa costruzione di un nuovo ordine multipolare non si limita alla rivoluzione nell’approccio agli aiuti allo sviluppo: la Via della Seta, in dieci anni, ha anche accelerato e di tanto lo spostamento di qualche migliaio di chilometri del baricentro del potere economico mondiale. “Mentre l’influenza americana diminuisce”, ammette infatti addirittura anche l’Economist, “le economie asiatiche si stanno integrando”.
Il lungo articolo ricorda come “settecento anni fa, le rotte commerciali marittime che si estendevano dalla costa del Giappone al Mar Rosso erano costellate di dau arabi, giunche cinesi e djong giavanesi, che trasportavano ceramiche, metalli preziosi e tessuti in tutta la regione” e di come questa “enorme rete commerciale intra-asiatica fu interrotta solo dall’arrivo di marinai dagli imperi europei in ascesa”. L’Economist puntualmente si dimentica di citare anche le armi e la ferocia del colonialismo dell’uomo bianco.

Il punto è che, riconosce sempre l’Economist, quella fitta rete commerciale intra-asiatica è tornata ad essere il centro del mondo. “Nel 1990, solo il 46% del commercio asiatico si svolgeva all’interno del continente”. Oggi siamo vicini al 60%. che è anche più o meno la percentuale degli investimenti esteri diretti nella regione detenuti da altri asiatici. Anche i prestiti bancari sono sempre più asiatici, a partire dalla spettacolare crescita della Commercial Bank of China, che “è più che raddoppiata dal 2012 ad oggi, raggiungendo quota 203 miliardi”.

“Nel 2011 i paesi più ricchi e più antichi dell’Asia avevano circa 329 miliardi di dollari investiti nelle economie più giovani e più povere di Bangladesh, Cambogia, India, Indonesia, Malesia, Filippine e Tailandia. Un decennio più tardi quella cifra era salita a 698 miliardi di dollari”.
“Secondo un recente sondaggio”, continua l’Economist, “solo l’11% degli operatori economici asiatici considera ancora gli USA il potere economico più influente dell’Asia” e “uno studio pubblicato l’anno scorso suggerisce che il trattato siglato nel 2020 e denominato Regional Comprehensive Economic Partnership, comporterà un aumento consistente degli investimenti transfrontalieri nella regione”.

“Al contrario”, sottolinea sempre l’Economist, “a seguito dell’abbandono da parte dell’America dell’accordo commerciale di partenariato transpacifico nel 2017, ci sono poche possibilità che gli esportatori asiatici ottengano un maggiore accesso al mercato americano”. Questa integrazione lega profondamente la Cina e i paesi che guardano con favore al suo piano per un nuovo ordine multipolare, ai più fedeli alleati di Washington.

“Uno studio condotto dalla Banca asiatica di sviluppo nel 2021 ha concluso che le economie asiatiche sono ora più esposte alle ricadute degli shock economici dalla Cina piuttosto che dall’America”; tradotto: gli alleati USA subiscono più danni se va male l’economia cinese che non se va male quella USA.
Questo fenomeno, nonostante la retorica sul decoupling, mano a mano che la Cina crescerà economicamente, non farà che aumentare e nonostante l’imponente propaganda degli ultimi mesi, la potenza economica cinese continuerà a crescere, mentre quella occidentale continuerà a stagnare, nonostante la guerra tecnologica.

Come ha sottolineato l’ottimo Kishore Mahbubani su Foreign Policy, infatti: “Gli USA non possono arrestare la crescita cinese”. “La decisione dell’America di tentare di rallentare lo sviluppo tecnologico della Cina”, scrive Mahbubani, “non è che il solito vecchio tentativo di chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati. La Cina moderna ha dimostrato molte volte che lo sviluppo tecnologico del Paese non può essere fermato”. Mahbubani ricorda come nel 1993 l’amministrazione Clinton cercò di restringere l’accesso dei cinesi alla tecnologia per i sistemi satellitari. Oggi la Cina ha 540 satelliti in orbita, ed è una vera superpotenza del settore.

Mahbubani ricorda anche di quando gli USA nel 1999 decisero di restringere l’accesso dei cinesi ai dati geospaziali del sistema GPS. Oggi il sistema BeiDou Global Navigation che la Cina è stata costretta a svilupparsi da sola è più avanzato di quello occidentale. Ora si gioca la partita dei microchip, ma paradossalmente potrebbe fare più male agli USA che alla Cina. La Cina, infatti, rappresenta oltre un terzo del mercato globale dei chip e senza il suo mercato le aziende USA saranno a corto di profitti da reinvestire in ricerca e sviluppo.

Che le élite che fondano la loro spropositata ricchezza siano pronte a tutto pur di non accettare il loro declino è comprensibile, ma che noi persone comuni continuiamo a farci corbellare da una manciata di analfoliberali che ci vogliono spacciare la loro feccia propagandistica per oro, invece, grida vendetta. E per vendicarci la cosa migliore che possiamo fare è costruirci un media tutto nostro che ci faccia uscire da questa bolla asfittica e anacronistica del suprematismo occidentale; per farlo, abbiamo bisogno del tuo sostegno!

Aderisci alla campagna di sottoscrizione di OttolinaTv su GoFundMe (https://gofund.me/c17aa5e6) e su PayPal (https://shorturl.at/knrCU).

…e chi non aderisce è Volodomyr Zelensky!

NONCIELODIKONO!!! USA: “Sul pallone spia avevano ragione i cinesi”. Ma i media censurano la notizia

Fermi tutti, fermi tutti, perché finalmente abbiamo le prove! L’informazione mainstream non è semplicemente propaganda!

Magari, quello sarebbe già buono.

È proprio una fabbrica di fake news.

Sfacciata, plateale.

Febbraio del 2023.

Tra i cieli del Montana, d’improvviso appare un gigantesco pallone gonfiabile bianco. La sentenza è unanime. Tutte le prime pagine dei giornali italiani titolano all’unisono nello stesso identico modo: un sofisticato pallone spia cinese ha provocato gli USA e ha invaso il loro spazio aereo. Per tre giorni non si è parlerà di altro; d’altronde, non era mica una cosa da niente.

Il pallone”, sentenziava Bretella Rampini, “di sicuro avrà raccolto una ricca messe di fotografie sorvolando una base di armi nucleari nel Montana”. DI SICURO, mica chiacchiere.

E ora facciamo un piccolo salto avanti nel tempo 

17 settembre

Il Generale Mark Milley è ospite al celebre programma domenicale della CBS.

Siamo piuttosto certi”, afferma il generale, “che il pallone non abbia raccolto nessuna informazione e che nessuna informazione sia stata trasmessa in Cina”.

In sala cade il gelo e pure nelle redazioni dei giornali italiane.

Come facciamo a riportare questa notizia senza perdere la faccia e dimostrare che tutto quello che diciamo sulla Cina e in generale sui paesi che non fanno da cagnolini da riporto a Washington sono gigantesche minchiate?

Semplice, basta fare finta di niente.

La clamorosa smentita a una settimana di speculazioni di ogni genere, per giustificare il muro dei guerrafondai a stelle e strisce innalzata contro il dialogo con la Cina, è letteralmente scomparsa.

Niente, silenzio, zero assoluto.

Il controllo dei media da parte del partito unico della guerra e degli affari, d’altronde, è esattamente a questo che serve: a fabbricare e dare il massimo risalto alle fake news prima, e letteralmente a nascondere le notizie vere poi.

Un pallone aerostatico”, scriveva il 4 Febbraio scorso su la Repubblichina l’inarrivabile Paolo Mastrolilli, “può sembrare uno strumento di spionaggio rudimentale e ovviamente non è l’unico mezzo di cui dispone la Cina, che ha anche satelliti e armi moderne come i missili ipersonici. Però”, ci avvisa Mastrolilli, “l’atto di sfida, o di irresponsabilità, rivela il vero umore di Xi”.

Subito sotto, l’ineffabile Di Feo, che ha fatto della necessità di parlare di cose che palesemente non conosce una vera e propria arte, rilanciava, e metteva in allerta contro pericolose sottovalutazioni. Questi giganteschi palloni aerostatici, sottolineava Di Feo, “sono spie di sorprendente semplicità ma anche efficacia, capaci di attraversare i continenti cavalcando le correnti per raccogliere informazioni top secret”.

C’è poco da fare ironia, rilanciava Stefano Piazza su La Verità. “Occorre ricordare” infatti, scriveva, “che in Montana si trova nientepopodimeno che la Malmstrom Air Force Base, una delle tre basi americane con missili nucleari, e nello Stato sono presenti 150 missili balistici intercontinentali”.

È per questo che, come scriveva Maurizio Stefanini su Libero, “il governo degli Stati Uniti non ha la minima voglia di scherzare sul pallone proveniente dalla Repubblica Popolare che ha sorvolato una base con missili nucleari

Quella che però in assoluto c’ha marciato di più, ovviamente, è la mitica Giulia Pompili, che le spara così grosse da essersi guadagnata un posto al sole nella capitale web dei bimbiminkia italiani nota come la miniera di Ivan Grieco. “La Cina ha ammesso che si tratta di un suo dirigibile”, scrive, che però sarebbe molto banalmente uno strumento “civile, di quelli usati da quasi tutte le agenzie metereologiche per fare rivelazioni atmosferiche”.

Ma, sostiene la Pompili, “è completamente falso: i palloni sonda meteorologici sono di piccolissime dimensioni, perché funzionano con strumenti miniaturizzati, e poi esplodono automaticamente a una certa altezza”.

Per un attimo, avevo sperato che la totale incompetenza della Pompili fosse limitata ai temi economici. E invece in tema di cazzate è proprio tuttologa la ragazza.

Come avevamo sottolineato proprio mentre questa gara incredibile a chi la sparava più grossa era in pieno svolgimento, infatti, le sarebbe bastato dare un’occhiata veloce al sito della NASA, dove da anni si descrivano nei minimi dettagli missioni che sono in corso da decenni e che prevedono l’impiego di palloni aerostatici “in grado di contenere un intero stadio di football dentro” per missioni scientifiche che mediamente durano oltre 45 giorni (https://www.nasa.gov/scientific-balloons/types-of-balloons).

Ma quello che preoccupa ancora di più la Pompili, non è cosa fa quel pallone, che tanto ormai tutti spiano tutti, ma la sfacciataggine. “Non è una novità che la Cina spii l’America”, sottolinea infatti la nostra istrionica minatrice, “ma la crisi politica e diplomatica che il pallone da ricognizione ha aperto riguarda soprattutto un’operazione sfacciata, visibile, una violazione dello spazio aereo con un messaggio chiaro: arriviamo ovunque”.

Ma anche sulla provocazione sfacciata, duole dirlo, la Pompili non ci aveva visto proprio benissimo, diciamo. Il pallone cinese infatti, ha dichiarato domenica scorsa Milley, sarebbe entrato in territorio USA involontariamente, a causa del vento: “A quelle altitudini il vento è incredibilmente forte”, ha dichiarato il Generale, “i motori di quel pallone non sono in grado di andare contro quel genere di vento a quell’altitudine”. Alla ricerca spasmodica dell’ennesimo casus belli immaginario, la Pompili ha continuato a ricamare sulla faccenda per giorni e giorni, articoli su articoli.

Anche quando ormai negli USA la situazione era ormai completamente sfuggita di mano

Alla Fox News uno squadrone di attivisti neoconservatori a libro paga di vari think tank finanziati dall’industria bellica si alternava, affermando all’unisono che Pechino stava usando i palloncini per “preparare il campo di battaglia” per un intervento militare diretto sul suolo statunitense.

Il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg affermava che il pallone spia non rappresentava solo un’evidente minaccia per gli USA, ma anche per tutti gli alleati. “Il pallone sopra gli Stati Uniti”, aveva dichiarato pubblicamente, “conferma il modello di comportamento cinese. Abbiamo bisogno di essere consapevoli del rischio costante rappresentato dall’intelligence cinese e intensificare le nostre azioni per proteggerci e reagire”.

Il top però era stato raggiunto solo alcuni giorni dopo, quando gli USA spinti dalla follia sinofobica dell’opinione pubblica, in preda al panico, avevano cominciato a tirar giù tutto quello che di gonfiabile vedevano nel cielo; fino a quando un gruppo di amatori dell’Illinois aveva denunciato che un suo pallone per le misurazioni atmosferiche da appena 12 dollari di valore, era stato tirato giù con un missile che di dollari da solo ne costava poco meno di 450 mila.

L’analisi della Pompili? “L’America abbatte quattro oggetti volanti”, scrive. Ma “non è isteria, è un messaggio chiaro alla Cina”. “Il messaggio è trasparente, chiaro”, scrive enfaticamente la Pompili, “ed è diretto contro la Cina, che invece porta le sue contro-accuse come un semplice show di propaganda”. Che tra l’altro dimostra come la Pompili, oltre a spararle grosse, scriva quasi peggio di David Puente. Ma con tutti i quattrini che c’hanno per fare propaganda, non lo trovano un pennivendolo altrettanto servizievole ma che almeno sappia scrivere decentemente?


Ma al di là della ghiotta occasione per perculare per l’ennesima volta l’Armata Brancaleone del giornalismo analfoliberale italiano e per raccontare un caso concreto di come funziona la macchina della propaganda del partito unico della guerra e degli affari, le nuove rivelazioni del Generale Milley sono interessanti anche, se non soprattutto, da un altro punto di vista. Per quanto possa apparire ridicolo infatti, le fake news sul pallone spia non sono state semplicemente l’ennesimo esercizio di retorica suprematista, ma hanno avuto conseguenze politiche piuttosto pesanti.

Come sicuramente ricorderete, poco prima si era celebrato il G20 di Bali, durante il quale Xi e Biden si erano stretti la mano, e avevano promesso una “nuova distensione”. Il primo passo, sarebbe dovuto essere il viaggio ufficiale di Blinken a Pechino previsto proprio per quel Febbraio. Ma l’isteria scatenata dall’incidente del pallone, strumentalizzata a più non posso dalle fazioni USA più radicalmente sinofobe, aveva spinto l’amministrazione Biden ad annullarlo.

I mesi successivi, hanno rappresentato probabilmente il livello più basso delle relazioni tra le due grandi potenze da qualche anno a questa parte. Nel giro di pochi mesi i cinesi hanno sfornato una quantità gigantesca di documenti, studi e report che denunciavano tutte le storture degli USA con un linguaggio di un’aggressività che raramente si era vista prima: dalla critica al sistema economico e alle diseguaglianze che genera, a quella sulle violazioni sistematiche del diritto internazionale.

Ma non solo. Convinta di non poter trovare nessun interlocutore minimamente serio ed affidabile oltrepacifico, la Cina ha passato mesi e mesi a premere sull’acceleratore dei rapporti sud-sud, incentivando così quel processo di contrapposizione tra Sud Globale e Nord Globale che fino ad allora aveva sempre cercato di stemperare. In quanto di gran lunga prima potenza economica globale reale infatti la Cina ha tutto l’interesse a mantenere almeno una parvenza di pace e di ordine e poter così procedere tranquillamente con gli affari e con il commercio. In tempo di pace il declino relativo del Nord Globale e degli USA in particolare, e l’ascesa cinese, sono letteralmente inarrestabili. Ma quando arrivi a far saltare un incontro di quel livello a causa di una vaccata come quella del pallone gigante, significa che probabilmente fare lo sforzo di provare a concordare alcuni paletti per evitare un’escalation potrebbe essere una totale perdita di tempo e pure di dignità, che è una cosa che da quelle parti ha ancora un certo valore.

Ed ecco così che la nuova distensione è andata a farsi benedire.

Quando le acque poi si sono calmate però, gli USA hanno per lo meno fatto finta di voler riprendere quel percorso: la visita di Blinken alla fine c’è stata e poi pure quella della Yellen, del Segretario di Stato al Commercio e molte altre ancora. Tutti che affermavano esplicitamente che l’idea stessa di disaccoppiare le due economie è una follia e che non hanno nessuna intenzione di ostacolare lo sviluppo cinese, ma che semplicemente vogliono emanciparsi dalla Cina per tutta una serie di materie prime e di prodotti strategici, e che non sono disposti ad aiutare la Cina a colmare il gap con gli USA in termini di capacità militare.

Nel frattempo però le sanzioni unilaterali non solo sono sempre tutte lì, ma sono pure peggiorate, a partire dal decreto che ha sancito l’impossibilità per i capitali occidentali di andare a investire in Cina nei settori tecnologici più avanzati: dall’intelligenza artificiale, al quantum computing.

Insomma, pochi fatti, e tante chiacchiere.

E dopo la pagliacciata del pallone spia, i cinesi le chiacchiere che non sono accompagnate anche dai fatti hanno deciso che non gli bastano più.

E negli USA c’è chi comincia a credere che forse è arrivato il caso di dimostrare un po’ di buona volontà in più. Anche tra le fila della destra.

John Muller è uno degli analisti di punta del Cato Institute, il famigerato think tank fondato e finanziato dal miliardario ultrareazionario Charles Koch e su Foreign Affairs ha appena pubblicato un lungo articolo che traccia la strategia che gli anarcocapitalisti made in USA vorrebbero adottare nei confronti della Cina. “Il caso contro il contenimento”, si intitola. Quella “strategia non ha vinto la Guerra Fredda e non sconfiggerà la Cina”. Nell’articolo Muller fa una lunga disamina della strategia del contenimento adottata dagli USA contro l’URSS durante la Guerra Fredda, e che imponeva a “Washington di respingere i progressi politici e militari sovietici ovunque apparissero, cercando così di impedire la diffusione del comunismo internazionale, e controllando il potere dell’unione sovietica senza dover ricorrere a una guerra diretta”. Secondo Muller la buona fama di cui gode questa strategia, sarebbe del tutto ingiustificata. “In realtà”, scrive, “più che il contenimento, furono gli errori e le debolezze dell’Unione Sovietica a causarne la caduta”.

Muller ricorda come quella strategia fosse stata descritta in dettaglio in un altro articolo del 1947 pubblicato proprio su Foreign Affairs. “Le fonti della condotta sovietica”, si intitolava. Firmato dal padre ufficiale della strategia del contenimento: l’ambasciatore e studioso di Scienze Politiche George Frost Kennan. Ma “Nei decenni successivi all’articolo”, sottolinea Muller, “il contenimento, oltre a ispirare fallimenti come l’invasione della Baia dei Porci e la guerra del Vietnam, sembrava aver impedito a pochi paesi di diventare comunisti

Nei confronti diretti dell’espansionismo sovietico, invece, riflette Muller, il contenimento era tutto sommato inutile. “I sovietici”, scrive Muller, “non avevano bisogno di essere scoraggiati: cercavano di aiutare e ispirare movimenti rivoluzionari in tutto il mondo, ma non avevano mai avuto interesse a condurre qualcosa di simile al ripetersi della Seconda Guerra Mondiale” e “dopo aver analizzato gli archivi sovietici, lo storico Vojtcch Mastny osservò che tutti i piani di Mosca erano difensivi e che l’enorme rafforzamento militare in Occidente “era irrilevante nel scoraggiare una grande guerra che il nemico per primo non aveva intenzione di lanciare””.

Secondo Muller, tutte le sconfitte subite dal comunismo in quegli erano autoinflitte: dai conflitti interni al campo comunista stesso, alle repressioni anticomuniste in alcuni paesi del sud del mondo, come la carneficina indonesiana. E quando invece vincevano da qualche parte, era una vittoria di Pirro, come nel caso del Mozambico nel ‘77, o in Nicaragua nel ’79.

Tutti paesi, scrive Muller, che “presto divennero casi disperati a livello economico e politico”. E anche nel crollo finale dell’impero sovietico, il contenimento secondo Muller c’entrerebbe poco o niente. “A quel punto”, sostiene Muller, “Washington aveva da tempo assunto che la Guerra Fredda fosse finita e aveva ufficialmente abbandonato quella politica. E Anche Mosca”.

Ora, ovviamente si tratta di una sequenza di puttanate che suscita quasi ammirazione. Se fosse italiano Muller lavorerebbe senz’altro per Il Foglio. Ma le implicazioni di questa analisi totalmente delirante invece sono bellissime. Secondo Muller infatti, come il contenimento non avrebbe avuto nessun ruolo nell’ostacolare l’ascesa dell’Unione Sovietica, allo stesso modo sarebbe del tutto inefficace per contrastare quella cinese. “La cosa più preoccupante per la Cina, come lo è stata per l’Unione Sovietica”, scrive Muller, in realtà, “è la sua crescente serie di difficoltà interne”.

Muller a questo punto fa un altro lungo elenco completamente delirante dei fallimenti immaginari della Cina: dalla corruzione endemica, al degrado ambientale, passando per il rallentamento della crescita e pure ovviamente il sostanziale fallimento della Via della Seta. Quasi per caso in mezzo a questa sequela di minchiate, ne dice una giusta. Come per l’Unione Sovietica, sottolinea infatti Muller, “la maggior parte delle mosse espansionistiche della Cina non hanno nulla a che fare con la forza. Come ha affermato l’ex diplomatico statunitense Chas Freeman: “Non esiste una risposta militare a una grande strategia costruita su un’espansione non violenta del commercio e della navigazione”.

Quindi non c’è motivo di allarmarsi, e basta “sedersi tranquilli ed aspettare

Si tratta della saggezza di restare indietro”, scrive Muller, “mantenere la calma e lasciare che le contraddizioni nel sistema del tuo avversario diventino evidenti”. “I politici”, conclude Muller, “dovrebbero tenere a mente una massima di Napoleone Bonaparte: “Non interrompere mai il tuo nemico quando sta commettendo un errore””.

Ecco, esatto. È quello che diciamo pure noi di fare per accelerare il declino.

Che vi state a sgolare a fare voi analfoliberali. Il globalismo neoliberista è un modello di sviluppo troppo superiore rispetto al multipolarismo industriale e produttivo, è evidente.

Basta che abbiate un po’ di pazienza, la smettiate di fare colpi di stato, cambi di regime, guerre e sanzioni economiche illegali a destra e manca e il vostro amato sistema alla lunga non potrà che dimostrare tutta la sua superiorità. E alla fine vincerete, insieme a Koch, a Giulia Pompili, a Federico Rampini e a John Muller.

Più o meno intorno al 31 settembre del duemilacredici.

Se anche tu sei per un media che incentivi gli analfoliberali a crogiolarsi nelle loro fantasie suprematiste senza rompere troppo i coglioni mentre il mondo nuovo avanza e gli prepara il funerale, aiutaci a costruirlo.

Aderisci alla campagna di sottoscrizione di OttolinaTV su GoFundMe (https://gofund.me/c17aa5e6) e su PayPal (https://shorturl.at/knrCU).

E chi non aderisce è Giulia Pompili.

  • 1
  • 2