Skip to main content

Tag: basile

ELENA BASILE – I benpensanti occidentali vogliono la GUERRA NUCLEARE

L’ambasciatrice Elena Basile asfalta la propaganda occidentale su Ucraina, Palestina, e Brics. Contro i nostri interessi nazionali, le classi dirigenti occidentali ci stanno gettando in una guerra contro Cina e Russia per il dominio americano sul mondo. Nonostante la realtà non faccia che sbugiardarli, i giornalisti italiani si comportano come i cani da guardia del potere, e organizzano spedizioni punitive mediatiche contro chiunque osi ribellarsi.

MARATONA OTTOLINA – Un Nuovo Governo per il 99% – ft Tridico, Mattei, Scarpinato, Basile, Bradanini (Live pomeriggio)

FINE DELL’AUSTERITA’ E NUOVO INTERVENTO PUBBLICO: UN’IPOTESI DI GOVERNO così si intitola l’incredibile conferenza messa in piedi da Andrea del Monaco e soci 20 relatori, ognuno con un campo di competenza diversa, si alternano sul palco per delineare le traiettorie fondamentali di un vero e proprio governo alternativo per il paese, in grado di coniugare radicalità e concretezza, per tornare a essere dalla parte del 99% nei fatti, e non solo nelle chiacchiere dall’ex ambasciatore italiano a teheran e pechino Alberto Bradanini, alla Giovanna D’Arco della battaglia culturale contro il mito dell’Austherity Clara Mattei, da Elena Basile a Pasquale Tridico, da Roberto Scarpinato a Gianni Dragoni, il meglio del meglio dell’Italia che resiste alla dittatura di Washington e delle Oligarchie, tutti uniti per costruire un vero fronte popolare plurale, democratico e in grado di conquistare il cuore della maggioranza della popolazione una vera maratona per ridare a questo paese la speranza di un vero nuovo governo per il 99%

Elena Basile: come ho scoperto che Mario Draghi prendeva ordini da Washington

Ottoliner buongiorno, e benvenuti a questo nuovo appuntamento con le interviste di ottolina. Come ogni giorno, anche oggi il nostro obiettivo è rovinarvi la giornata e farvi venire un grandissimo giramento di coglioni, perchè è l’energia che si sprigiona dal giramento dei coglioni che smuove il mondo. Oggi vi gireranno con il turbo, perché per dipingervi un quadro deprimente della situazione in cui è precipitata la nostra amministrazione coloniale abbiamo chiamato i rinforzi. L’intervistata di oggi la conoscete tutti, è l’ex ambasciatrice italiana in belgio e in svezia Elena Basile, che a un certo punto era diventata uno tra i volti più ricercati della tv italiana. Per chi come noi nutre qualche perplessità sul sostegno incondizionato del nostro governo allo sterminio dei bambini arabi a gaza, una vera e propria boccata d’ossigeno: finalmente una donna delle istituzioni che non sostiene il genocidio e l’apertheid. Purtroppo, è durata poco: a qualche giorno di meritata celebrità, infatti, ha subito reagito la cara vecchia macchina del fango.

Titolava così “Il Giornale”. Tutto d’un tratto, come per magia, i media italiani e i fan del genocidio sparsi per la penisola sono diventati magicamente pignoli, e hanno scoperto un nuovo termine che fino ad allora non avevano mai nemmeno sentito nominare: ministro plenipotenziario. Elena Basile era una millantatrice, si faceva chiamare ambasciatrice, e invece era solo un ministro plenipotenziario, che è il grado immediatamente inferiore. Peccato, che sia lo stesso grado raggiunto dal 99% dei funzionari diplomatici che da alemno 70 anni tutti i media chiamano sempre, senza esclusione, ambasciatori. Come ad esempio Stefano Pontecorvo, che come riporta anche wikipedia, “ha ricoperto l’incarico di ambasciatore d’italia in pakistan, col rango di ministro plenipotenziario”.

E che però non ha mai condannato israele

Risultato, l’ex ambasciatore Pontecorvo il 12 aprile scorso è stato nominato presidente del consiglio d’amministrazione di leonardo spa, l’ex ambasciatrice elena basile è stata epurata dai media mainstream. 

Oggi però almeno è ospite di ottolinatv, e ci spiega da dietro le quinte il mistero che ci perseguita ormai da due anni: com’è che i funzionari dello stato italiano hanno deciso di ridurre in brandelli il nostro paese?